Caldo record a luglio 2019

Temperature estreme luglio 2019

Secondo i nuovi dati dell’Organizzazione Meteorologica Mondiale e del Programma Copernico per il Cambiamento Climatico, a luglio è stato raggiunto, e forse infranto, il record del mese più caldo dall’inizio dell’analisi. Le cifre mostrano che il luglio 2019 è stato alla pari, e forse leggermente più caldo del precedente luglio più caldo, nel 2016, che è stato anche il mese più caldo di sempre. I dati più recenti sono particolarmente significativi perché il mese di luglio 2016 è stato uno degli eventi più intensi del fenomeno El Niño, che contribuisce all’aumento delle temperature globali. A differenza del 2016, il 2019 non è stato segnato da un forte El Niño. Il luglio 2019, secondo i dati, era di circa 1,2°C più calda dell’era pre-industriale.

“Tutto questo significa che siamo sulla buona strada affinché gli anni dal 2015 al 2019 sianoi cinque anni più caldi mai registrati. Solo quest’anno, abbiamo visto i record di temperatura infranti da Nuova Delhi ad Anchorage, da Parigi a Santiago, da Adelaide e al Circolo Polare Artico. Se non interveniamo subito sui cambiamenti climatici, questi eventi meteorologici estremi sono solo la punta dell’iceberg. E, in effetti, anche l’iceberg si sta rapidamente sciogliendo”, ha detto Antonio António Guterres. segretario generale delle Nazioni Unite,

“Luglio ha riscritto la storia del clima, con decine di nuovi record di temperatura a livello locale, nazionale e globale”, ha detto il segretario generale della Word Metereological Organisation, Petteri Taalas. “Il caldo straordinario è stato accompagnato da un drammatico scioglimento dei ghiacci in Groenlandia, nell’Artico e sui ghiacciai europei. Per il secondo mese consecutivo nell’Artico infuriano incendi senza precedenti, devastando foreste un tempo incontaminate che un tempo assorbivano anidride carbonica e trasformandole invece in fonti di gas serra. Questa non è fantascienza. E’ la realtà del cambiamento climatico. Sta accadendo ora e peggiorerà in futuro senza un’azione urgente per il clima”, ha detto Taalas.

Queste ondate di calore sono coerenti con quanto ci aspettiamo dai cambiamenti climatici e dall’aumento delle temperature globali.

Il Belgio, la Germania, il Lussemburgo, i Paesi Bassi e il Regno Unito hanno registrato nuovi record nazionali di temperatura il 25 luglio, mentre le mappe meteorologiche sono state ridisegnate per includere – per la prima volta – temperature superiori a 40°C. In Francia, Parigi ha registrato il giorno più caldo mai registrato, con una temperatura di 42,6 °C alle 16:32, un valore senza precedenti dall’inizio delle misurazioni. L’ondata di calore è stata causata dall’aria calda proveniente dal Nord Africa e dalla Spagna, che è stata poi trasportata dall’Europa centrale alla Scandinavia, la Norvegia ha visto nuovi record di stazione il 27 luglio, e 28 località hanno avuto “notti tropicali” oltre i 20°C. La capitale finlandese Helsinki ha stabilito il nuovo record di 33,2°C il 28 luglio e nel sud della Finlandia, Porvoo ha registrato una temperatura di 33,7°C.

Le temperature eccezionalmente elevate dovrebbero favorire lo scioglimento dello strato di ghiaccio della Groenlandia, che ha già visto un ampio episodio di scioglimento tra l’11 e il 20 giugno. Il persistente alto livello di scioglimento e di deflusso nelle ultime settimane significa che la stagione totale è vicina alla perdita record del 2012. La stazione Nord, situata a 900 chilometri dal Polo Nord, ha misurato una temperatura di 16°C e nella Groenlandia occidentale, la stazione di Qaarsut (vicino a 71°N) ha registrato una temperatura di 20,6°C il 30 luglio.

Le alte temperature hanno anche favorito l’attività degli incendi nell’Artico, anche in Groenlandia, Alaska e Siberia. L’Agenzia forestale federale russa ha stimato che, al 29 luglio, gli incendi boschivi in Siberia hanno bruciato 33.200 chilometri quadrati, con 745 incendi attivi, causando massicce devastazioni ecologiche e incidendo sulla qualità dell’aria per centinaia di chilometri. Il fumo era chiaramente visibile dallo spazio.

©2020 Rete Asset by mr.dico

Log in with your credentials

Forgot your details?