L’Europa ha installato 3,6 GW di nuova capacità eolica offshore nel 2019

L'Europa ha installato 3,6 GW di nuova capacità eolica offshore nel 2019

L’Europa ha installato 3,6 GW di nuova capacità eolica offshore nel 2019, secondo le statistiche pubblicate da WindEurope. Si tratta di un nuovo record di installazioni annuali.

10 nuovi parchi eolici offshore sono stati messi in rete in 5 paesi. Il Regno Unito ha rappresentato quasi la metà della nuova capacità con 1,7 GW. Seguono la Germania (1,1 GW), la Danimarca (374 MW) e il Belgio (370 MW). Il Portogallo ha installato 8 MW di eolico offshore galleggiante. L’Europa ha ora 22 GW di eolico offshore. Il Regno Unito e la Germania ne rappresentano tre quarti. Danimarca, Belgio e Paesi Bassi si dividono quasi tutto il resto.

La dimensione media delle turbine offshore installate lo scorso anno è stata di 7,8 MW. Una turbina eolica offshore da 12 MW è stata installata a Rotterdam. Anche i parchi eolici offshore stanno diventando sempre più grandi. La dimensione media è raddoppiata – era di 300 MW nel 2010. Ora è di oltre 600 MW. Il più grande è Hornsea 1 nel Regno Unito – 1,2 GW.

Il lancio del nuovo progetto galleggiante portoghese – WindFloat Atlantic, finanziato dal programma NER300 dell’UE, permette all’Europa di disporre ora di 45 MW di eolico offshore galleggiante. Francia, Regno Unito, Norvegia e Portogallo stanno sviluppando nuovi progetti galleggianti. La Francia prevede di mettere all’asta un parco eolico galleggiante su larga scala nel 2021.

I costi dell’eolico offshore continuano a diminuire in modo significativo. Le aste dell’anno scorso – nel Regno Unito, in Francia e nei Paesi Bassi – hanno fornito prezzi per i consumatori nell’ordine di 40-50 €/MWh. Ciò è più economico rispetto alla costruzione di nuovi impianti a gas, carbone o nucleare.

Il 2019 ha visto anche decisioni di investimento in 4 nuovi parchi eolici offshore, che rappresentano 1,4 GW di capacità e 6 miliardi di euro di investimenti.

La Commissione europea afferma che l’Europa ha bisogno di 230-450 GW di energia eolica offshore entro il 2050 per decarbonizzare il sistema energetico e realizzare il Green Deal. Ciò richiede che l’Europa costruisca 7 GW di nuovo eolico offshore all’anno entro il 2030 e aumenti fino a 18 GW all’anno entro il 2050. Ma l’attuale livello di nuovi impianti e di investimenti è molto lontano da questo.

Il CEO di WindEurope, Giles Dickson, ha dichiarato: “L’Europa ha davvero abbracciato l’eolico offshore nel 2019. I prezzi d’asta hanno dimostrato che ora è più economico costruire l’eolico offshore rispetto ai nuovi impianti a gas o a carbone. Diversi governi hanno aumentato la quantità che vogliono costruire. L’anno scorso, in questo periodo, stavamo considerando 76 GW entro il 2030. Ora sono 100 GW”.

“Ma al momento non stiamo costruendo abbastanza per raggiungere questo obiettivo, per non parlare dei volumi più ambiziosi necessari per realizzare il Green Deal. La Commissione Europea dice che abbiamo bisogno di 450 GW offshore entro il 2050. Ciò significa 7 GW di nuovo eolico offshore ogni anno entro il 2030 e 18 GW in poi entro il 2050. L’anno scorso abbiamo costruito una quantità record, ma solo 3 GW”.

“I quantitativi più elevati sono fattibili e convenienti”. La nuova strategia dell’UE per l’eolico offshore nell’ambito del Green Deal dovrebbe indicare chiaramente come mobilitare gli investimenti necessari per 450 GW. Fondamentalmente dovrebbe fornire un piano generale (a) per sviluppare le connessioni alla rete offshore e onshore e (b) per ottenere una corretta pianificazione dello spazio marittimo. Ciò richiederà una cooperazione sempre più stretta tra i governi del Mare del Nord e del Baltico. E questo dovrebbe includere anche il Regno Unito – sono stati la metà degli investimenti europei nell’eolico offshore nell’ultimo decennio e rimarranno di gran lunga il mercato più grande”.

©2020 Rete Asset by mr.dico

Log in with your credentials

Forgot your details?