Solare energia

Un recente articolo pubblicato da thebalancesmb.com fa il punto sull’impatto ambientale della generazione di energia solare. Eccone una sintesi

L’energia solare è promossa come alternativa verde per l’ambiente. Viene fornita con la promessa di un’energia più economica per i consumatori, oltre ad essere una fonte di energia priva di emissioni di gas serra e di altre sostanze inquinanti. Ma, come i critici sono pronti a sottolineare, questo quadro non è del tutto vero.

L’energia solare presenta le proprie sfide ambientali per quanto riguarda l’uso del suolo, il consumo di acqua, le emissioni e l’uso di materiali pericolosi.

Uso del suolo

Le implicazioni dell’uso del suolo per i progetti di energia solare dipendono dalla loro portata. I piccoli array sui tetti non sono una preoccupazione significativa. I progetti su larga scala, tuttavia, possono occupare molti beni immobili.

A seconda della topografia, dell’intensità solare e del tipo di tecnologia solare, i grandi impianti possono estendersi da 3,5 a 16,5 acri per megawatt di generazione. (Un MW ora può servire circa 650 abitazioni, più o meno.)

A differenza dei progetti di energia eolica che possono coesistere con l’uso del suolo agricolo, vi sono scarse possibilità che grandi impianti solari possano coesistere con attività agricole. Questo problema può essere attenuato utilizzando siti di basso valore come aree dismesse e siti minerari abbandonati

Consumo di acqua

Per quanto riguarda l’uso dell’acqua, è importante notare che ci sono due tipi principali di tecnologia di energia solare:

  • Celle solari fotovoltaiche (PV)
  • Impianti solari termici a concentrazione (CSP)

Il fotovoltaico fotovoltaico non utilizza l’acqua nella produzione di energia elettrica, mentre i progetti CSP consumano acqua. Il consumo effettivo di acqua dipende da variabili quali la progettazione dell’impianto, l’ubicazione e il tipo di sistema di raffreddamento utilizzato.

Secondo l’UCS, gli impianti CSP che utilizzano la tecnologia di ricircolo ad umido con torri di raffreddamento prelevano tra 600 e 650 galloni di acqua per megawattora di produzione elettrica. La tecnologia di raffreddamento a secco può ridurre il consumo di acqua del 90%, ma può comportare costi più elevati e minori rendimenti.

Un potenziale problema è che alcuni dei luoghi migliori per l’energia solare hanno i climi più secchi e la più scarsa disponibilità di acqua. Pertanto, l’approvvigionamento idrico è una considerazione importante quando si tratta di progetti solari CSP.

Materiali pericolosi

Durante il processo di produzione delle celle fotovoltaiche vengono utilizzati diversi materiali pericolosi. I prodotti chimici sono usati per la maggior parte per pulire e purificare la superficie dei semiconduttori, e comprendono sostanze quali acido cloridrico, acido solforico, acido nitrico, fluoruro di idrogeno, 1,1,1,1-tricloroetano e acetone.

Le celle fotovoltaiche a film sottile includono sostanze tossiche. La manipolazione o lo smaltimento improprio potrebbe causare gravi preoccupazioni ambientali, ma i produttori sono fortemente motivati a riciclare questi materiali di grande valore piuttosto che inviarli in discarica.

Per essere chiari, i materiali tossici sono associati ad ogni tipo di produzione di energia. Il carbone deve essere pulito con prodotti chimici e bruciato, l’energia nucleare richiede materiale altamente radioattivo e le turbine eoliche utilizzano metalli che devono essere estratti e lavorati. Nessun tipo di energia è ideale, ma chiaramente, alcuni sono migliori di altri, come dimostrato dalle emissioni del ciclo di vita comparativo discusso nella sezione seguente.

Emissioni del ciclo di vita

L’energia solare si guadagna la sua reputazione come fonte di energia in quanto non genera gas serra durante il funzionamento. Le emissioni del riscaldamento globale si creano, tuttavia, in altre fasi del ciclo di vita dell’energia solare. Queste fasi comprendono l’estrazione delle risorse, la produzione, il trasporto, l’installazione, la manutenzione, la disattivazione e lo smantellamento.

Questo investimento iniziale in energia viene ripagato, tuttavia, da 30 anni di produzione di energia rispettosa dell’ambiente. L’energia prodotta da combustibili fossili, invece, continua a produrre emissioni di gas serra su base continuativa.

La maggior parte delle stime mostrano che il solare, nel suo intero ciclo di vita, produce molto meno anidride carbonica equivalente del gas naturale, e drammaticamente meno del carbone. Secondo l’UCS, gli impianti fotovoltaici sono compresi tra 0,07 e 0,18 libbre di anidride carbonica equivalente per chilowattora, mentre i sistemi solari CSP generano CO2 equivalente in una gamma da 0,08 a 0,2 libbre. Questi valori sono nettamente inferiori alle emissioni del ciclo di vita del gas naturale (0,6-2 libbre di CO2E/kWh) e del carbone (1,4-3,6 libbre di CO2E/kWh).

Quindi, mentre l’energia solare non è una soluzione perfetta, è molto più ecologica della produzione di energia elettrica da fonti non rinnovabili, in particolare il carbone. In definitiva, l’utilizzo o meno del solare è una buona idea nella vostra comunità dipende da variabili come l’irraggiamento solare e altre fonti di energia rinnovabile.

CONTATTACI

Vuoi sapere di più su Asset? Hai una domanda da farci? Una curiosità da soddisfare? Scrivici! Saremo lieti di risponderti.

Sending

©2019 Rete Asset by mr.dico | Made and hosting with ❤️ by World Wide Management

Log in with your credentials

or    

Forgot your details?

Create Account