Mini nucleare da Rolls Royce

Il gruppo britannico di tecnologia energetica Rolls-Royce ha dichiarato di essere sulla buona strada per collegare alla rete mini reattori nucleari in grado di eguagliare le energie rinnovabili come l’energia eolica sul costo dell’elettricità prodotta.

Il chief technology officer del gruppo, Paul Stein, ha affermato che la sua tecnologia dei piccoli reattori modulari (SMR), che utilizza componenti prefabbricati che possono essere trasportati su un camion e assemblati in loco per progetti scalabili, può ravvivare le prospettive del nucleare come fonte di energia a zero emissioni di carbonio, evitando le insidie della costruzione di enormi centrali su scala gigawatt.

Stein l’ha detto alla BBC: “Pensiamo di poter riuscire a far arrivare il costo di una centrale che produce 440MW … a circa 1,75 miliardi di sterline (2,23 miliardi di dollari).

“Se si fa la valutazione del costo del capitale, significa che stiamo vendendo energia elettrica al di sotto di 60 sterline / MWh (78,5 dollari / MWh), il che la colloca nel territorio di molte delle rinnovabili”. Stein ha aggiunto che Rolls-Royce è “certa che la formula matematica è giusta” e fiduciosa di poter ridurre ulteriormente i costi quando i progressi nella produzione e le economie di scala si realizzeranno, con le prime connessioni alla rete entro il 2029. Gli SMR sarebbero inizialmente localizzati nei siti delle centrali nucleari esistenti che stanno uscendo dal servizio, ha detto Stein, aggiungendo che il gruppo dei motori aeronautici è in discussione con “un certo numero di governi stranieri” per l’esportazione della tecnologia.  Rolls-Royce spera che l’SMR possa offrire un nuovo ruolo per il nucleare nella spinta verso l’energia a zero emissioni di carbonio.

©2020 Rete Asset by mr.dico

Log in with your credentials

Forgot your details?