Diagramma PPA

Le aziende hanno acquistato 13,4 gigawatt di energia pulita attraverso contratti a lungo termine, più che raddoppiando il totale del 2017, aiutato dalla domanda di nuove industrie e mercati precedentemente non battuti.

Le aziende hanno acquistato una quantità record di energia pulita attraverso contratti di acquisto di energia elettrica, o PPA, nel 2018, infrangendo il precedente record stabilito nel 2017. Tra i punti salienti figurano un’ondata di piccole imprese acquirenti di energia che aggregano i loro acquisti e i primi contratti di acquisto di energia pulita in mercati come la Polonia.

BloombergNEF (BNEF) riscontra nel suo Corporate Energy Market Outlook del primo semestre 2019, pubblicato oggi, che circa 13,4 GW di contratti di energia pulita sono stati firmati da 121 società in 21 paesi diversi nel 2018. Questo è salito da 6,1 GW nel 2017, e posiziona le aziende accanto ai servizi di pubblica utilità come i maggiori acquirenti di energia pulita a livello globale.

Jonas Rooze, responsabile della sostenibilità aziendale di BNEF, ha detto: “Le aziende hanno firmato contratti per l’acquisto di oltre 32 GW di energia pulita dal 2008, un importo paragonabile alla capacità di generazione dei Paesi Bassi, con l’86% di questa attività dal 2015 e oltre il 40% nel solo 2018”.

Più del 60% dell’attività globale nel 2018 si è verificato negli Stati Uniti, dove le aziende hanno firmato PPA per acquistare 8,5 GW di energia pulita, quasi il triplo dell’importo firmato nel 2017. Facebook ha guidato un contingente di esperti acquirenti di energia aziendale statunitense, acquistando oltre 2,6 GW di energie rinnovabili a livello globale nel 2018, principalmente con servizi di pubblica utilità nei mercati regolamentati degli Stati Uniti attraverso programmi noti come tariffe verdi. Questo è stato il triplo di quello del successivo più grande acquirente di energia aziendale, AT&T.

La ExxonMobil è stata la prima major petrolifera a firmare un accordo di acquisto di energia pulita per le proprie attività, acquistando 575 MW di energia solare ed eolica in Texas. Anche Messico e Brasile hanno visto una crescita negli acquisti aziendali, arrotondando i 9,1 GW di energia pulita acquistata da aziende dell’area Americhe nel 2018.

Negli Stati Uniti una caratteristica importante è stata la comparsa dei primi piccoli acquirenti aziendali di energia pulita. Nel 2018, circa 34 nuove aziende hanno firmato i loro primi PPA per l’energia pulita, che rappresentano il 31% dell’attività totale negli Stati Uniti. Queste aziende stanno aggregando la loro domanda di energia elettrica per raccogliere le economie di scala dei più grandi progetti solari ed eolici. In molti casi, traggono vantaggio dalla collaborazione con un acquirente più grande e con maggiore esperienza, in grado di offrire un bilancio più solido e competenze in materia di contabilità e aspetti legali al momento della firma di un PPA.

Kyle Harrison, analista di sostenibilità aziendale per BNEF e autore principale del rapporto, ha detto: “Il modello di aggregazione ha inaugurato una nuova generazione di acquirenti di energia pulita aziendale. Queste aziende non devono più affrontare da sole la complessità dell’approvvigionamento di energia pulita. Possono condividere i rischi associati alla volatilità del mercato del credito e dell’energia con i loro colleghi”.

Nella regione Europa, Medio Oriente e Africa (EMEA), le aziende hanno inoltre acquistato volumi record di energia pulita, stipulando contratti per 2,3GW e raddoppiando il valore di 1,1GW firmato nel 2017. I paesi nordici sono stati ancora una volta il punto di forza dell’attività, con aziende attratte dalle forti risorse eoliche e dal sostegno al credito da parte degli enti governativi. I produttori di alluminio Norsk Hydro e Alcoa Corp hanno acquistato l’energia più pulita d’Europa nel 2018, ma la regione ha visto anche l’attività di aziende tecnologiche multinazionali come Facebook, Amazon e Google.

Diversi paesi europei che nel 2017 hanno visto un’attività di approvvigionamento aziendale scarsa o inesistente, hanno registrato un aumento di interesse nel 2018. Le aziende hanno firmato PPA per la prima volta in Polonia, e per la seconda volta in Danimarca e Finlandia. Anche nel Regno Unito sono stati firmati nuovi accordi, a seguito di una pausa dopo la scadenza di un programma di sovvenzioni nazionali. Diverse richieste di proposte e cambiamenti di politica suggeriscono la nascita di nuovi mercati anche in Germania e Francia.

Nella regione Asia-Pacifico (APAC), tuttora un mercato nascente per gli acquisti aziendali, le aziende hanno firmato un record di 2GW di PPA per l’energia pulita, più dei due anni precedenti messi insieme. Quasi tutte queste attività si sono svolte in India e in Australia, con circa 1,3GW e 0,7GW di energia pulita acquistata, rispettivamente. Entrambi i mercati consentono alle aziende di acquistare energia pulita su larga scala attraverso accordi di partenariato pubblico-privato (PPA) fuori sede, rendendoli una rarità per la regione.

La domanda supera ancora di gran lunga l’offerta nel resto dell’APAC, anche se i recenti cambiamenti in diversi mercati suggeriscono che all’orizzonte si profila un importante picco di attività. In nove province cinesi sono ora disponibili meccanismi di PPA aziendali fuori sede e l’imminente adozione di uno standard di portafoglio rinnovabile darà a oltre 30.000 grandi aziende commerciali e industriali obiettivi in materia di energia elettrica rinnovabile. In Giappone, la terza asta di certificati non fossili del paese ha visto le aziende acquistare 21TWh, triplicando l’attività combinata nelle prime due aste. Tredici società giapponesi hanno inoltre stabilito 100 obiettivi in materia di energia elettrica rinnovabile, più del resto dell’APAC nel suo complesso.

Il segnale più sano di continua crescita nel settore degli acquisti aziendali globali è la crescente alleanza di aziende che stabiliscono impegni in materia di energia pulita e sostenibilità. Una di queste campagne, nota come RE100 – composta da quasi 160 firmatari alla fine del 2018 che hanno stabilito obiettivi di energia elettrica rinnovabile al 100% – ha società domiciliate in 23 mercati diversi. Complessivamente, queste aziende hanno consumato 189 TWh di elettricità nel 2017, equivalenti al consumo elettrico dell’Egitto.

Secondo le stime di BNEF, queste società dovranno acquistare altri 190 TWh di elettricità pulita nel 2030 per raggiungere i loro obiettivi RE100. Se questa carenza dovesse essere colmata con PPA solari ed eolici fuori sede, catalizzerebbe circa 102 GW di nuove costruzioni solari ed eoliche a livello globale, superiori alle dimensioni della flotta di produzione di energia elettrica del Regno Unito nel 2017

Jonas Rooze ha detto: “Per le aziende che pensano seriamente alla crescita sostenibile, la definizione di obiettivi di energia pulita e di decarbonizzazione è in linea con le strategie aziendali complessive. Allo stesso tempo, queste iniziative hanno creato un intero nuovo universo di opportunità per i servizi pubblici, gli sviluppatori di energia pulita e gli investitori”.

CONTATTACI

Vuoi sapere di più su Asset? Hai una domanda da farci? Una curiosità da soddisfare? Scrivici! Saremo lieti di risponderti.

Sending

©2019 Rete Asset by mr.dico | Made and hosting with ❤️ by World Wide Management

Log in with your credentials

or    

Forgot your details?

Create Account