Aumenta eolico in Europa nel 2017

Secondo le statistiche appena pubblicate da WindEurope, nel 2018 energia eolica ha fornito il 14% dell’elettricità dell’UE, rispetto al 12% del 2017. La capacità eolica in Europa è aumentata di 11,3 GW nel 2018: 8,6 GW onshore e 2,65 GW offshore.

La continua crescita della capacità e l’uso di turbine più potenti stanno contribuendo ad aumentare la quota di energia eolica nel mix elettrico. L’anno scorso la Danimarca ha registrato la quota più elevata di energia eolica nel settore elettrico (41%), seguita dall’Irlanda (28%) e dal Portogallo (24%). L’energia eolica rappresenta il 21% dell’elettricità tedesca.

Nel 2018 l’energia eolica ha rappresentato il 49% di tutta la nuova capacità di produzione di energia elettrica in Europa. Ma la quantità di nuova capacità eolica è diminuita di un terzo rispetto al 2017 (un anno record). L’anno scorso l’energia eolica ha vinto 9 GW di nuova capacità nelle aste, rispetto ai 13 GW del 2017. Gli aumenti di capacità in Germania sono diminuiti di oltre la metà dopo aste mal progettate e problemi di autorizzazione. L’Europa ha ora 189 GW di capacità eolica: 171 GW onshore e 18 GW offshore.

Il 2018 è stato un anno record per la nuova capacità eolica finanziata. 17 GW di progetti futuri hanno raggiunto la decisione finale di investimento (FID): 13 GW onshore e 4,2 GW offshore. Si tratta del 45% in più rispetto al 2017, ma solo il 20% in più in euro investiti, il che dimostra che i costi continuano a diminuire.

Giles Dickson, CEO di WindEurope, ha detto: “L’energia eolica fornisce ora il 14% dell’elettricità dell’UE, contro il 12% di un anno fa. Sempre più persone e imprese stanno beneficiando dell’energia pulita e a prezzi accessibili che l’energia eolica fornisce. Ma sotto la superficie molte cose non funzionano bene. L’anno scorso è stato l’anno peggiore dal 2011 per i nuovi impianti eolici. La crescita del settore eolico onshore è diminuita di oltre la metà in Germania ed è crollata nel Regno Unito. E 12 paesi dell’UE non hanno installato una sola turbina eolica nel 2018.

“Gli investimenti in capacità futura sono stati abbastanza buoni l’anno scorso grazie a Regno Unito, Spagna, Svezia – e grazie anche all’ulteriore espansione dell’eolico offshore. Ma le prospettive di nuovi investimenti sono incerte. Ci sono problemi strutturali nell’autorizzazione, soprattutto in Germania e Francia. Ma, con l’eccezione della Lituania e parzialmente della Polonia, mancano le ambizioni nell’Europa centrale e orientale.

“I Piani energetici e climatici nazionali 2030 sono un’occasione per mettere le cose a posto. Ma le bozze dei Piani mancano di dettagli: sulle misure politiche, sui volumi d’asta, su come agevolare l’autorizzazione e rimuovere altri ostacoli agli investimenti eolici e su come espandere la rete.”

CONTATTACI

Vuoi sapere di più su Asset? Hai una domanda da farci? Una curiosità da soddisfare? Scrivici! Saremo lieti di risponderti.

Sending

©2019 Rete Asset by mr.dico | Made and hosting with ❤️ by World Wide Management

Log in with your credentials

or    

Forgot your details?

Create Account