Explaining Extreme Events 2017 from a Climate Perspective

Explaining Extreme Events 2017 from a Climate Perspective, è un numero speciale del “Bulletin of the American Meteorological Society (BAMS)”.

La siccità nelle pianure settentrionali degli Stati Uniti e nell’Africa orientale del 2017, le inondazioni in Sud America, Cina e Bangladesh e le ondate di calore in Cina e nel Mediterraneo sono state tutte rese più probabili dai cambiamenti climatici causati dall’uomo, secondo la ricerca.

La settima edizione del rapporto, Explaining Extreme Events in 2017 from a Climate Perspective, comprende anche analisi degli eventi di calore oceanico, comprese le intense ondate di calore marino nel Mare di Tasmania al largo dell’Australia nel 2017 e 2018 che erano “virtualmente impossibili” senza cambiamenti climatici causati dall’uomo. Sono incluse anche le analisi degli incendi australiani e delle inondazioni in Uruguay.

Questo è il secondo anno in cui gli scienziati hanno identificato eventi meteorologici estremi che, secondo loro, non sarebbero potuti accadere senza il riscaldamento del clima indotto dall’uomo.

Il rapporto presenta 17 analisi peer-reviewed delle condizioni meteorologiche estreme in sei continenti e due oceani nel corso del 2017. Il rapporto presenta la ricerca di 120 scienziati di 10 paesi che esaminano sia osservazioni storiche che simulazioni di modelli per determinare se e da quando il cambiamento climatico può aver influenzato particolari eventi estremi.

BAMS Special Editor Martin Hoerling, un meteorologo di ricerca NOAA, ha detto che anche se gli eventi studiati in questo numero del Bollettino si estendono su sei continenti e un anno di calendario, è diventato chiaro che sono intimamente connessi.

“Questi studi confermano le previsioni del primo rapporto dell’IPCC del 1990, che prevedeva che le deviazioni radicali dal tempo e dal clima del XX secolo sarebbero avvenute ora”, ha detto Hoerling. “Le prove scientifiche supportano la crescente fiducia nel fatto che l’attività umana è alla base di una varietà di eventi estremi che stanno avendo un grande impatto economico negli Stati Uniti e in tutto il mondo”.

Alcuni risultati di una ricerca sul clima estremo del 2017 pubblicati in questo numero:

Calore

I cambiamenti climatici hanno reso le ondate di calore nella regione dell’Europa mediterranea, tre volte più probabili di quanto lo fossero nel 1950. La probabilità che una tale ondata di calore si ripeta è ora del 10% in un dato anno.

Onde di calore come l’evento record del 2017 nella Cina centrale e orientale erano una volta rare. Sono ora un evento su cinque anni a causa del cambiamento climatico.

Siccità

I cambiamenti climatici hanno reso la siccità delle Grandi Pianure Settentrionali del 2017 1,5 volte più probabile spostando l’equilibrio tra precipitazioni ed evapotraspirazione dell’umidità del suolo.

Inondazioni

6 giorni di pioggia pre-monsorizzazione che ha inondato il Bangladesh nord-orientale è stata resa più probabile al 100% dai cambiamenti climatici.

Il cambiamento climatico ha raddoppiato la probabilità che si verifichino la piogge estreme come quelle che nel giugno 2017 hanno fatto crollare migliaia di case nel sud-est della Cina.

Le piogge alluvionali del Perù del marzo 2017 sono state influenzate da un ciclo naturale di acque costiere calde, ma il cambiamento climatico causato dall’uomo ha reso tali estremi almeno 1,5 volte più probabili.

Eventi causati dagli oceani

Gli scienziati hanno scoperto che le temperature record della superficie del mare nel Mare di Tasmania nel 2017 e nel 2018 erano praticamente impossibili senza il riscaldamento globale.

Le temperature estremamente calde della superficie del mare al largo delle coste dell’Africa hanno raddoppiato la probabilità di siccità come quella che, in Africa orientale del 2017, ha lasciato più di 6 milioni di persone in Somalia di fronte alla carenza di cibo. Un’analisi ha rilevato che il calore estremo dell’oceano non avrebbe potuto verificarsi in un clima preindustriale.

Il ghiaccio marino artico, a causa del cambiamento climatico, ha influenzato il deficit di precipitazioni record in gran parte dell’Europa occidentale nel dicembre 2016.

I precedenti Rapporti

Gli eventi meteorologici estremi studiati nei sette numeri annuali del rapporto (pubblicati annualmente dal 2011 al 2017) sono stati selezionati dai ricercatori e non rappresentano un’analisi completa degli eventi di quel periodo. Circa il 70 per cento dei 146 risultati della ricerca pubblicati in questa serie ha identificato un legame sostanziale tra un evento estremo e il cambiamento climatico; circa il 30 per cento non lo ha fatto.

Quest’anno il rapporto va anche al di là della pubblicazione di studi di attribuzione che valutano il ruolo dei cambiamenti climatici causati dall’uomo in condizioni meteorologiche estreme. I redattori hanno chiesto a manager e pianificatori di vari settori della società di riflettere sull’uso della scienza nella preparazione ai futuri rischi climatici. Sono inclusi saggi sull’importanza della scienza del clima per la gestione dei sistemi di stoccaggio dell’acqua, la pianificazione dell’innalzamento del livello del mare e l’assegnazione della responsabilità legale dopo eventi meteorologici estremi.

Per quanto concerne l’Italia, segnaliamo il saggio sull’eccezionale ondata di calore nel Sud Europa nel 2017.

Rimani aggiornato sul mondo delle energie rinnovabili, del risparmio energetico e dell’ambiente: leggi le news Rete Asset.

CONTATTACI

Vuoi sapere di più su Asset? Hai una domanda da farci? Una curiosità da soddisfare? Scrivici! Saremo lieti di risponderti.

Sending

©2019 Rete Asset by mr.dico | Made and hosting with ❤️ by World Wide Management

Log in with your credentials

or    

Forgot your details?

Create Account