Energie rinnovabili - FER - Fonti energetiche rinnovabili

La continua crescita delle energie rinnovabili in tutto il mondo è destinata a rafforzare il potere della Cina e a minare l’influenza di grandi esportatori di petrolio come la Russia e gli stati del Medio Oriente come l’Arabia Saudita.

Con una posizione di leadership nella produzione di energia rinnovabile e nelle tecnologie correlate, come i veicoli elettrici, Pechino si trova ora in una posizione influente che altri paesi potrebbero avere difficoltà a contrastare.

“Nessun paese si è messo in una posizione migliore della Cina per diventare la superpotenza mondiale delle energie rinnovabili”, dice il rapporto, pubblicato dalla Global Commission on the Geopolitics of Energy Trasformation, un gruppo presieduto da un ex presidente dell’Islanda, Olafur Grimsson.

La commissione è stata istituita l’anno scorso dall’International Renewable Energy Agency (IRENA) e i suoi risultati sono stati pubblicati l’11 gennaio ad Abu Dhabi, all’assemblea annuale dell’IRENA.

Il rapporto sostiene che le conseguenze geopolitiche e socio-economiche della rapida crescita delle energie rinnovabili potrebbero essere profonde come quelle che hanno accompagnato il passaggio dalla biomassa ai combustibili fossili due secoli fa. I cambiamenti comprenderanno probabilmente l’emergere di nuovi leader energetici in tutto il mondo, il cambiamento dei modelli commerciali e lo sviluppo di nuove alleanze. Potrebbe anche innescare l’instabilità in alcuni paesi che sono diventati dipendenti dai proventi del petrolio e del gas.

Uno dei fattori chiave alla base di questi cambiamenti è che, a differenza dei combustibili fossili tradizionali, le fonti di energia rinnovabile sono ampiamente disponibili in tutto il mondo. Che si tratti di energia solare, eolica, delle maree o idroelettrica, la maggior parte dei paesi ha il potenziale per sviluppare un po’ di energia pulita. Ciò significa che molti paesi che attualmente devono importare la maggior parte della loro energia, in futuro saranno in grado di generare la propria energia, contribuendo a migliorare la loro bilancia commerciale e riducendo la loro vulnerabilità alla volatilità dei prezzi.

Mentre i cambiamenti promettono di democratizzare la fornitura di energia, non tutti i paesi si troveranno altrettanto bene nel nuovo panorama.

Il rapporto sottolinea che la Cina ha assunto un ruolo guida nel settore delle energie rinnovabili ed è ora il maggiore produttore, esportatore e installatore di pannelli solari, turbine eoliche, batterie e veicoli elettrici.

La Cina ha anche un chiaro vantaggio in termini di tecnologia di base, con oltre 150.000 brevetti sulle energie rinnovabili al 2016, il 29% del totale globale. Il paese più vicino è quello degli Stati Uniti, che aveva poco più di 100.000 brevetti, con il Giappone e l’Unione Europea che hanno quasi 75.000 brevetti ciascuno.

Anche se non tutti i brevetti sono utili o preziosi, queste cifre danno un’indicazione di quanto i diversi paesi hanno investito nell’industria. Al contrario, grandi esportatori di petrolio come la Russia, l’Indonesia e l’Arabia Saudita avevano un numero trascurabile di brevetti sulle energie rinnovabili.

“La rivoluzione delle energie rinnovabili rafforza la leadership globale della Cina, riduce l’influenza degli esportatori di combustibili fossili e porta l’indipendenza energetica nei paesi di tutto il mondo”, ha detto Grimsson, parlando al lancio del rapporto. “La trasformazione dell’energia porta grandi cambiamenti di potenza”.

Oltre alla Cina, ci sono alcuni altri gruppi di paesi che possono trarre vantaggio dalle tendenze in corso. Si tratta di paesi ad alto potenziale di produzione di energia rinnovabile, come l’Australia e il Cile, che potrebbero diventare importanti esportatori di elettricità rinnovabile. Anche paesi ricchi di minerali come la Bolivia, la Repubblica Democratica del Congo e la Mongolia potrebbero sfruttare la crescente domanda globale di materie prime.

Tuttavia, vi sono grandi pericoli per altri paesi. In particolare, vi è il potenziale di instabilità politica nei paesi esportatori di petrolio, i cui redditi si stanno esaurendo.

La relazione della Commissione mondiale rileva che gli Stati del Medio Oriente e del Nord Africa, insieme alla Russia e ad altri paesi della Comunità di Stati indipendenti, sono i più esposti a una riduzione dei proventi dei combustibili fossili. In media, queste regioni hanno esportazioni nette di combustibili fossili per oltre un quarto del loro PIL.

Molti di questi governi sono ben consapevoli dei rischi che corrono e negli ultimi anni hanno effettuato investimenti significativi nelle energie rinnovabili. Ad esempio, gli Emirati Arabi Uniti hanno sviluppato vasti parchi solari e l’Arabia Saudita ha recentemente presentato piani per sviluppare 59 GW di energia rinnovabile entro il 2030. Tuttavia, se da un lato questi parchi forniranno una fonte di energia utile in futuro, non faranno nulla per sostituire la perdita di reddito in caso di crollo della domanda di petrolio e gas in tutto il mondo.

Tuttavia, gli Stati del Golfo hanno almeno il vantaggio di grandi risorse finanziarie che possono utilizzare per cercare di rimodellare le loro economie. Altri paesi esportatori di petrolio sono più vulnerabili all’instabilità, in particolare quelli già instabili o con sistemi politici deboli, come la Repubblica del Congo, l’Iraq, la Libia, il Sud Sudan, il Venezuela e lo Yemen.

La maggior parte dei paesi dell’Africa subsahariana dovrebbe invece beneficiare di costi energetici inferiori se sviluppano energie rinnovabili interne per sostituire le loro attuali importazioni di combustibili fossili. Lo stesso vale per i paesi dell’Asia meridionale e per altri importatori di energia come i paesi europei, la Cina e il Giappone.

Sottolineando una visione più ottimistica, Adnan Amin, direttore generale dell’IRENA, ha detto al lancio del rapporto che “La trasformazione energetica globale guidata da fonti rinnovabili può ridurre le tensioni geopolitiche legate all’energia come le conosciamo e promuoverà una maggiore cooperazione tra gli stati. Questa trasformazione può anche mitigare le sfide sociali, economiche e ambientali che sono spesso tra le cause profonde dell’instabilità geopolitica e dei conflitti”.

Tuttavia, ha riconosciuto che i cambiamenti in corso presentano sia opportunità che sfide e ha detto che “i benefici saranno superiori alle sfide, ma solo se le politiche e le strategie giuste sono in atto”. È imperativo per i leader e i responsabili politici anticipare questi cambiamenti ed essere in grado di gestire e navigare nel nuovo ambiente geopolitico”.

CONTATTACI

Vuoi sapere di più su Asset? Hai una domanda da farci? Una curiosità da soddisfare? Scrivici! Saremo lieti di risponderti.

Sending

©2019 Rete Asset by mr.dico | Made and hosting with ❤️ by World Wide Management

Log in with your credentials

or    

Forgot your details?

Create Account