L’inquinamento che arriva dalla campagna

Un articolo su META mette in luce un’insospettata fonte di inquinamento.

Mentre i governi di tutta Europa adottano misure per contenere il diffondersi della pandemia COVID-19 e il traffico stradale rallenta, le persone che vivono nelle città respirano aria più fresca. Ma l’assenza di fumi di gasolio sta anche esponendo molti abitanti delle città ad emissioni che non sono abituati ad annusare: quella proveniente dai campi.

È successo lo scorso fine settimana a Bruxelles, dove molti residenti hanno segnalato un forte odore di letame. “Penseresti di essere in una fattoria”, ha detto un cittadino all’emittente belga RTL Info. E mentre questo ha fatto sentire alcuni nostalgici di una vita più romantica in campagna, altri residenti si sono lamentati dei suoi effetti collaterali: “Quando ho aperto la finestra, mi bruciavano gli occhi”, ha detto un residente di Molenbeek, un comune a nord-ovest di Bruxelles. “Avevo anche un terribile mal di testa”.

La gestione e lo stoccaggio del letame è una fonte significativa di ammoniaca, un gas altamente inquinante che minaccia i nostri ecosistemi e causa irritazione quando viene inalato. Quando il vento la trasporta sulle città, l’ammoniaca reagisce con le emissioni di ossidi di azoto (NOx) dei veicoli diesel e di zolfo (SO2) delle centrali elettriche, producendo minuscole particelle solide – meno di 2,5 micrometri di diametro – note come PM2.5. Si tratta di una delle forme più pericolose di inquinamento dell’aria: Il PM2.5 può penetrare in profondità nelle vie respiratorie umane e provocare malattie polmonari e cardiovascolari, attacchi di cuore e cancro, influenzare il sistema nervoso centrale e influenzare gli organi riproduttivi.

Secondo Clean Air Farming, un progetto internazionale sostenuto dall’Ufficio Europeo per l’Ambiente per ridurre le emissioni dei rifiuti agricoli e alimentari, queste minuscole particelle sono state responsabili di 391.000 morti premature nell’UE nel 2015. Questo è il motivo per cui le emissioni di ammoniaca da sole rappresentano circa il 50% dell’impatto sulla salute dell’aria inquinata nelle aree urbane.

I dati sull’inquinamento atmosferico raccolti dall’Agenzia interregionale belga per l’ambiente mostrano un aumento delle particelle di PM2,5 registrate in tutto il paese negli stessi giorni in cui i residenti hanno segnalato l’odore di letame. Questo non è una sorpresa: l’inizio della primavera è la stagione dello spargimento del letame, quando gli agricoltori usano lo sterco di mucca che hanno risparmiato durante l’inverno per fertilizzare i loro campi – e il Belgio non è un caso isolato.

Lo scorso mese, lo stesso problema è stato segnalato a Milano, dove un aumento del particolato fine è stato collegato alle emissioni di ammoniaca provenienti dall’allevamento intensivo di bestiame e dalla concimazione nella Pianura Padana, così come a Parigi, dove gli abitanti hanno segnalato un forte “odore di campagna” dall’inizio del blocco del coronavirus che ha causato il calo di altri inquinanti atmosferici e di altri odori.

Sebbene le emissioni provenienti dall’agricoltura siano responsabili di una sorprendente quantità di contaminazione dell’aria urbana, esse rimangono in gran parte non ancora regolate e non esiste ad oggi una legislazione UE che miri a ridurre il loro impatto sulla qualità dell’aria. Tuttavia, le soluzioni per l’agricoltura ad aria pulita esistono, sono efficaci in termini di costi e hanno già dato risultati se attuate correttamente.

Margherita Tolotto, Policy Officer o Air and Noise dell’Ufficio Europeo dell’Ambiente, ha dichiarato a META:

“L’inquinamento dell’aria danneggia tutti noi, influisce sulla nostra salute, minaccia gli ecosistemi e ha anche un impatto sulle nostre colture. La riduzione delle emissioni alla fonte andrà a beneficio di tutti. Ogni settore deve fare la sua parte e lavorare insieme per un’aria più pulita”.

Il progetto Clean Air Farming riferisce che diverse misure possono essere attuate a livello di azienda agricola per ridurre immediatamente le emissioni di ammoniaca. Ciò include il miglioramento del modo in cui il letame viene immagazzinato, per ridurne la superficie esposta, e l’utilizzo di tecniche a basse emissioni per spalmarlo sui campi; l’acidificazione del liquame per abbassarne il pH; l’alimentazione degli animali da allevamento; l’applicazione di fertilizzanti in modo da ridurre al minimo la formazione e la dispersione dell’ammoniaca, e l’evitare un eccesso di fertilizzazione.

Mentre le autorità locali possono lavorare con gli agricoltori per mettere in pratica queste soluzioni, sostiene Tolotto, i governi nazionali possono svolgere il loro ruolo fornendo almeno quanto richiesto dalla legislazione UE esistente e sviluppando politiche più ambiziose per tenere sotto controllo le emissioni dell’agricoltura.

Gli Stati membri dell’UE sono tenuti a ridurre le loro emissioni di ammoniaca del 19% entro il 2030 per conformarsi alla direttiva europea sui limiti nazionali di emissione (NEC), ma troppi paesi stanno facendo troppo poco, troppo lentamente.

Anche la nuova Politica Agricola Comune (PAC) e la strategia Farm to Fork dovrebbero giocare un ruolo chiave nella riduzione dell’impatto dell’agricoltura sulla qualità dell’aria.

“In definitiva, questa è un’opportunità imperdibile per costruire un sistema agricolo che funzioni in armonia con le persone e la natura, e non contro di loro”, ha detto Tolotto.

©2021 Rete Asset

Log in with your credentials

Forgot your details?