The Low Carbon Economy Index 2018

PcW ha pubblicato il Low Carbon Economy Index 2018. Le emissioni sono di nuovo in aumento, in quanto la transizione verso un’energia a basse emissioni di carbonio è in ritardo rispetto alla crescita economica globale. L’obiettivo dell’accordo di Parigi di limitare il riscaldamento a due gradi sembra ancora più irraggiungibile.

Lo scorso anno, il PIL mondiale è cresciuto del 3,8%, soprattutto grazie alla rapida crescita di economie emergenti come la Cina e l’India. Questa crescita economica è andata di pari passo con un aumento della domanda globale di energia del 2,1%, più del doppio rispetto al 2016. Poiché la maggior parte dell’aumento della domanda di energia è stata soddisfatta con i combustibili fossili, le emissioni globali sono ora di nuovo in aumento – dell’1,1% – dopo aver raggiunto un livello record negli ultimi tre anni.

L’intensità di carbonio ha continuato a scendere a un ritmo coerente con gli anni precedenti, al 2,6%. Ma anche questo dato è inferiore al tasso medio di decarbonizzazione del 3% necessario per raggiungere i deboli obiettivi nazionali promessi nell’accordo di Parigi del 2015. Il divario tra l’attuale tasso di decarbonizzazione e quello necessario per limitare il riscaldamento globale a due gradi è in aumento. Oggi è del 6,4% all’anno per il resto del secolo.  Ogni anno in cui l’economia globale non riesce a decarbonizzare al ritmo richiesto, allontana l’obiettivo dei due gradi.

Low Carbon Economy Index 2018: il carbone

Il consumo di carbone è tornato a crescere, con un aumento dell’1%. Questo è stato il principale fattore di variazione delle emissioni negli ultimi anni e, in Cina, è cresciuto di 3,5 Mtep. Anche se rimane al di sotto del picco del 2013, la crescita della domanda di carbone è stata trainata anche da paesi come la Turchia (12,7%), l’Indonesia (7,4%) e l’India (5%). Tutti e tre questi paesi hanno registrato un’elevata crescita del PIL e una crescita nei settori industriali pesanti.

Low Carbon Economy Index 2018: le rinnovabili

L’energia eolica, solare e altre fonti di energia rinnovabile sono cresciute rapidamente, aumentando del 17%. L’energia solare è stata la fonte energetica in più rapida crescita, con una crescita complessiva del 35%, di cui il 41% negli Stati Uniti, il 76% in Cina e l’87% in India. Ciò è stato dovuto al calo dei prezzi e all’aumento degli investimenti pubblici, in particolare in Cina.

La Cina ha mantenuto la sua posizione di leader nel G20 con un tasso di decarbonizzazione del 5,2%. Ciò porta a una riduzione del 41% dell’intensità di carbonio negli ultimi dieci anni e dimostra che le economie hanno la possibilità di compiere progressi su base annua. La crescita del PIL in Cina è stata trainata principalmente dalla crescita dei servizi, dall’alta tecnologia e dalla produzione di attrezzature e dall’aggiornamento tecnologico, mentre gli investimenti nelle industrie ad alta intensità energetica sono diminuiti, rendendo così la crescita più verde.

Gli altri paesi con i migliori risultati – Messico, Argentina, Regno Unito e Brasile – sono stati tutti in grado di ridurre le emissioni e al tempo stesso di far crescere le loro economie. Quest’anno, il Regno Unito ha registrato progressi sostenuti con un tasso di decarbonizzazione del 4,7%. I paesi dell’America Latina sono riusciti ad aumentare l’indice grazie alla crescita delle energie rinnovabili. Il Messico ha ottenuto una riduzione del 5% dell’intensità di carbonio nel 2017, basandosi sui tassi di decarbonizzazione registrati negli anni precedenti. Purtroppo nessuno dei paesi del G20 ha raggiunto, quest’anno, il tasso del 6,4% necessario per limitare il riscaldamento a due gradi.

Il Low Carbon Economy Index 2018 completo è disponibile on line in lingua inglese.

©2024 Rete Asset

Log in with your credentials

Forgot your details?