Più di un quarto di tutte le emissioni di energia del Regno Unito sono sprecate

Energia sprecata

Più di un quarto di tutte le emissioni di energia del Regno Unito sono sprecate. E’ la sintesi di un articolo appena apparso su “Forbes” di cui forniamo una sintesi.

Quanti di voi bolliranno in inverno e congeleranno in estate? Lasciate il computer acceso di notte (anche in standby) o uscite dall’ufficio senza spegnere le luci? Non siete soli. Infatti, gli analisti di Schneider Electric hanno calcolato che almeno 117 milioni di tonnellate di emissioni del Regno Unito sono state create l’anno scorso da energia persa o sprecata. Per mettere la cosa in prospettiva, si tratta di più di un quarto di tutte le emissioni di energia del Regno Unito.

I paesi che dipendono più del Regno Unito dai combustibili fossili per la produzione di energia elettrica avranno perdite di energia ancora maggiori. Quando ci si rende conto che, secondo l’UE, l’energia è responsabile dell’80% delle emissioni di gas serra in Europa, si pone una domanda. Gli sprechi su questa scala dovrebbero essere accettabili?

L’enigma è che a nessuno sembra interessare davvero lo spreco di energia. In realtà, è spesso visto come un simbolo di successo o di bellezza. Dopo tutto, quante volte avete guardato un’immagine di una città di notte, con le luci che scintillano dai grattacieli, e avete pensato “guardate tutta quell’energia che va sprecata”?

Un altro calcolo del team Schneider suggerisce che a livello globale potremmo dimezzare le emissioni di carbonio già nel 2040 se riducessimo il consumo di energia in appena la metà degli edifici esistenti di una percentuale compresa tra il 30 e il 50%, oltre ad aumentare l’elettrificazione e la decarbonizzazione.

Qual è la voglia di risparmiare energia per salvare il pianeta?

Le aziende del Regno Unito stimano che circa il 36% del loro consumo energetico giornaliero vada sprecato. Ma poco meno della metà (44%) ha dichiarato di non avere o non sapere se ha attuato iniziative di risparmio energetico negli ultimi 12 mesi. Con una bolletta media di una grande azienda che si aggira intorno alle 11.000 sterline al mese, non solo lo spreco di energia è un male per il pianeta, ma non è nemmeno un granché per i profitti.

Siamo altrettanto dissoluti in casa.

I nostri risultati hanno mostrato che più di 6,4 milioni di consumatori adulti del Regno Unito (12%) non hanno alcuna intenzione di limitare il loro consumo energetico. Più di tre quarti (76%) ritengono di aver già fatto abbastanza quando si tratta di risparmiare energia e non hanno intenzione di fare di più.

Sembra che siamo bravi a ripartire le colpe per lo spreco di energia. Più della metà (58%) dei consumatori incolpa gli altri per lo spreco di energia in casa. Un quarto degli intervistati (25%) ha incolpato il coniuge o il partner per aver lasciato luci, dispositivi o elettrodomestici accesi in casa.

Cosa può spingerci a ripensare il nostro consumo di energia?
Semplici misure, come l’isolamento dei loft, possono fare una differenza significativa nell’uso dell’energia e nel cambiamento climatico

Il costo è una barriera percepita sia dalle imprese che dai consumatori.

La maggior parte delle aziende riferisce di essere scoraggiata dal potenziale costo dell’implementazione di misure di risparmio energetico. Più di otto su dieci hanno dichiarato di essere divisi tra il costo previsto per combattere gli sprechi e fare la cosa giusta. Tuttavia, la nostra ricerca mostra che il progetto medio volto ad affrontare il problema dell’energia da rifiuti si ripaga in soli tre anni.

È un quadro simile per i consumatori. Da quando il governo britannico ha tagliato i sussidi per il risparmio energetico domestico, il numero di progetti di risparmio energetico (come l’isolamento di un tetto) è sceso drasticamente, nonostante il potenziale di riduzione delle bollette energetiche.
*** Tradotto con www.DeepL.com/translator (versione gratuita) ***

©2020 Rete Asset by mr.dico

Log in with your credentials

Forgot your details?