La Repubblica Ceca, l’Estonia, l’Ungheria, la Polonia hanno frenato la decisione UE di essere neutrale sul clima entro il 2050, mettendo in dubbio il ruolo di leader dell’Europa nei prossimi colloqui ONU sul clima.

L’UE avrebbe dovuto raggiungere un accordo formale sul raggiungimento di emissioni nette di carbonio zero entro il 2050 in una riunione dei capi di Stato in occasione del Consiglio Europeo dei giorni scorsi.

La grande maggioranza dei governi si è ora impegnata a sostenere questo obiettivo e il Regno Unito è diventato la prima grande economia del G7 a sancire questo impegno nella legge. Ma la Repubblica Ceca, l’Estonia, l’Ungheria e la Polonia hanno rifiutato di appoggiare la scadenza del 2050.

“La Polonia deve prima di tutto disporre di pacchetti di compensazione molto dettagliati. Dobbiamo sapere quanto possiamo ottenere per la modernizzazione”, ha dichiarato il primo ministro polacco Mateusz Morawiecki ai giornalisti.

L’UE dovrebbe presentare la sua strategia a lungo termine all’ONU in settembre, come convenuto nell’accordo di Parigi. Tuttavia, è probabile che il blocco passerà ora ai negoziati senza una posizione consolidata.

Le ONG hanno fortemente denunciato la posizione di questi quattro governi. Roland Joebstl, esperto di azione per il clima e di energia pulita presso l’Ufficio Europeo dell’Ambiente , ha dichiarato che i ritardi minacciano il futuro per le prossime generazioni. “Il tempo scorre eppure alcuni leader agiscono come se avessimo un altro pianeta su cui vivere”, ha detto.

Wendel Trio, direttore di Climate Action Network Europe, ha trovato “difficile credere che questi quattro governi, spinti dagli interessi ristretti delle loro industrie inquinanti, siano riusciti a opporsi a un aumento delle ambizioni climatiche dell’UE, che ha avuto un ampio sostegno e di cui c’è disperatamente bisogno”.

Lo stallo delle discussioni ha anche fatto sì che i governi non siano riusciti a compiere progressi nella revisione del bilancio dell’UE, o quadro finanziario pluriennale, che stabilirà quanto denaro l’UE dovrebbe stanziare per evitare la crisi climatica.

La Commissione intende aumentare i fondi disponibili per l’energia e i modelli aziendali neutrali per il clima, passando dall’attuale 20% al 25% del nuovo bilancio, vale a dire da 206 miliardi di euro negli anni precedenti a 320 miliardi di euro per il periodo 2021-2027. Il Parlamento europeo e le ONG hanno proposto rispettivamente una spesa minima del 30% e del 40% e l’esclusione dei fondi a sostegno dei combustibili fossili. I governi dell’UE dovrebbero raggiungere un accordo su questo punto entro la fine dell’anno. Commentando il bilancio dell’UE, ha detto Joebstl: “I nostri legislatori devono riorientare gli investimenti verso modelli energetici, di trasporto, agricoli e commerciali più puliti. Questo significa non più doni alle industrie che stanno letteralmente distruggendo il clima e uccidendo le persone, più investimenti in soluzioni pulite e sostegno finanziario per quelle regioni che dipendono ancora dai combustibili fossili”.

©2019 Rete Asset by mr.dico | Made and hosting with ❤️ by World Wide Management

Log in with your credentials

or    

Forgot your details?

Create Account