Emissions Gap Report 2018

È ancora possibile mantenere il riscaldamento globale al di sotto dei 2°C, ma la fattibilità tecnica per i colmare il divario di 1,5°C sta diminuendo.
Le emissioni globali di CO2 sono aumentate nel 2017, dopo tre anni di stabilizzazione. Se il divario di emissioni non viene colmato entro il 2030, è estremamente improbabile che l’obiettivo dei 2°C di temperatura possa ancora essere raggiunto. Le emissioni globali sono in aumento, poiché gli impegni nazionali per la lotta ai cambiamenti climatici non sono sufficienti. Ma l’impulso crescente del settore privato e il potenziale inutilizzato dell’innovazione e dei finanziamenti verdi offrono percorsi per colmare il gap di emissioni. Questi sono i principali risultati dell’Emissions Gap Report 2018 curato dall’Unep (United Nations Environmental Programme).

Emissions Gap Report  presenta annualmente una valutazione definitiva del cosiddetto “divario di emissioni” – il divario tra i livelli di emissione previsti per il 2030, rispetto a livelli coerenti con un obiettivo di 2°C / 1,5°C. Le prove qui riportate, a pochi giorni dall’inizio della 24a Conferenza COP24 mostrano che le emissioni globali hanno raggiunto livelli storici di 53,5 GtCO2, e senza segni di picco – il punto in cui le emissioni passano da crescenti a decrescenti. Gli autori hanno valutato che solo 57 paesi (che rappresentano il 60% delle emissioni globali) sono sulla buona strada per farlo entro il 2030.

L’analisi e l’esame dei progressi compiuti rispetto agli impegni nazionali nel quadro dell’accordo di Parigi dimostrano chiaramente che l’attuale ritmo  non è sufficiente per raggiungere gli obiettivi di Parigi. Tradotto in azione per il clima, gli autori concludono che le nazioni devono aumentare il loro impegno di 3 volte per raggiungere i 2°C e 5 volte per raggiungere 1,5°C.

“Se il rapporto dell’IPCC rappresentava un allarme antincendio globale, questo rapporto è un’indagine per incendio doloso”, ha detto Joyce Msuya, vicedirettore esecutivo dell’ONU per l’ambiente. “La scienza è chiara; nonostante l’impegno per azione per il clima che abbiamo visto fino ad oggi – i governi devono muoversi più velocemente e con maggiore urgenza. Stiamo alimentando questo incendio mentre i mezzi per spegnerlo sono a portata di mano”.

Una continuazione delle attuali tendenze porterà probabilmente ad un riscaldamento globale di circa 3°C entro la fine del secolo, con continui aumenti di temperatura. Mentre gli autori sottolineano che c’è ancora la possibilità di colmare il divario tra le emissioni e mantenere il riscaldamento globale al di sotto dei 2°C, la valutazione emette un chiaro avvertimento: il tipo di azione drastica e su larga scala di cui abbiamo urgente bisogno non è ancora stato visto.

Per colmare questo vuoto, l’Emissions Gap Report 2018 offre una nuova visione di come si presenterà un’azione significativa per il clima. Dalle amministrazioni comunali, statali e regionali, alle imprese, agli investitori, agli istituti di istruzione superiore e alle organizzazioni della società civile, gli attori non statali si stanno impegnando sempre più spesso in un’audace azione per il clima. Queste istituzioni sono sempre più riconosciute come elemento chiave per il raggiungimento degli obiettivi globali in materia di emissioni.

Con l’ausilio di una politica fiscale attentamente studiata, il potenziale è ancora maggiore.”Quando i governi adottano misure di politica fiscale per sovvenzionare alternative a basse emissioni e tassare i combustibili fossili, possono stimolare i giusti investimenti nel settore energetico e ridurre significativamente le emissioni di carbonio”, ha detto Jian Liu, Chief Scientist delle Nazioni Unite per l’ambiente. “Fortunatamente, l’utilizzo della politica fiscale come incentivo è sempre più riconosciuto. Se tutti i sussidi ai combustibili fossili fossero gradualmente eliminati, le emissioni globali di carbonio potrebbero essere ridotte fino al 10 per cento entro il 2030. È essenziale anche fissare il giusto prezzo del carbonio. Con 70 dollari USA per tonnellata di CO2, in alcuni paesi è possibile ridurre le emissioni fino al 40 per cento”.

Il nono Emissions Gap Report 2018 è stato preparato da un team internazionale di scienziati di primo piano, che ha valutato tutte le informazioni disponibili, comprese quelle pubblicate nel contesto del rapporto speciale dell’IPCC, così come in altri studi scientifici recenti.

 

CONTATTACI

Vuoi sapere di più su Asset? Hai una domanda da farci? Una curiosità da soddisfare? Scrivici! Saremo lieti di risponderti.

Sending

©2019 Rete Asset by mr.dico | Made and hosting with ❤️ by World Wide Management

Log in with your credentials

or    

Forgot your details?

Create Account