Energia eolica - l'Europa investe 27 miliardi di euro in nuovi parchi eolici nel 2018

Nel 2018 l’Europa ha investito 27 miliardi di euro in nuovi parchi eolici, che finanzieranno una quantità record di energia eolica futura, secondo la relazione annuale di WindEurope Financing and Investment Trends.

L’importo investito è simile a quello degli anni precedenti. Ma grazie alla riduzione dei costi, soprattutto nel settore dell’eolico offshore, finanzierà 16,7 GW di nuova capacità eolica. 1 MW di nuova capacità eolica onshore richiede ora solo 1,4 milioni di euro di spese in conto capitale, in calo rispetto ai 2 milioni di euro del 2015. 1 MW di nuova capacità eolica offshore richiede 2,5 milioni di euro, rispetto ai 4,5 milioni di euro del 2015.

La maggior parte della futura nuova capacità era eolica onshore: 12,5 GW. L’eolico offshore ha rappresentato 4,2 GW, sebbene rappresenti il 38,5% degli importi investiti.

In totale 190 parchi eolici in 22 diversi paesi europei hanno raggiunto la decisione finale di investimento l’anno scorso. L’Europa settentrionale e occidentale rappresentano ancora la maggior parte dei nuovi investimenti. Il Regno Unito è stato il maggiore investitore, soprattutto nel settore dell’eolico offshore. La Svezia è stata la seconda. Gli investimenti nell’Europa meridionale e centrale e orientale sono stati solo il 4% del totale.

Altri 24,1 miliardi di euro sono stati investiti nell’acquisizione di parchi eolici (compresi i progetti in fase di sviluppo) e di società attive nel settore dell’energia eolica. Si tratta di un importo di gran lunga superiore a quello degli anni precedenti. La maturità dell’energia eolica e la competitività del settore hanno attirato un maggior numero di investitori.

Giles Dickson, amministratore delegato di WindEurope, ha dichiarato:

“L’energia eolica ha ottenuto lo scorso anno il 60% di tutti i nuovi investimenti in capacità di produzione di energia elettrica in Europa. Ed è stato un anno record per la quantità di nuova capacità di energia eolica finanziata. La riduzione dei costi significa che gli investitori ora ottengono più MW per ogni euro investito. E gli istituti di credito sono più a proprio agio con i rischi, per cui anche i costi di finanziamento sono in calo.

Ma l’Europa deve continuare a investire somme significative nel settore eolico se vuole raggiungere l’obiettivo del 32% di energie rinnovabili entro il 2030. Il denaro è là fuori. Ma non ci sono abbastanza progetti finanziabili. Un problema è costituito dalle autorizzazioni: i processi sono più lenti e complessi di quanto non lo fossero in passato. Un altro problema è la mancanza di visibilità dei piani governativi per le energie rinnovabili. I piani energetici nazionali che devono essere scritti quest’anno sono la chiave per risolvere questo problema. Se sono chiari e ambiziosi, questo fornirà segnali di investimento che faranno sì che i progetti si realizzino”.

CONTATTACI

Vuoi sapere di più su Asset? Hai una domanda da farci? Una curiosità da soddisfare? Scrivici! Saremo lieti di risponderti.

Sending

©2019 Rete Asset by mr.dico | Made and hosting with ❤️ by World Wide Management

Log in with your credentials

or    

Forgot your details?

Create Account