GreenSpur: generatori a magneti permanenti privi di terre rare da 20 MW disponibili entro tre anni

GreenSpur

I generatori a magneti permanenti privi di terre rare (PMG) per turbine eoliche offshore con potenze da 20 MW dovrebbero diventare una realtà “entro tre anni”, dopo le prove di un esemplare di nuova generazione presso l’impianto di UK Offshore Renewable Energy (ORE) Catapult.

Una versione da 250kW del progetto a flusso assiale sviluppato da GreenSpur Wind, che utilizza ferriti – una ceramica ricca di ferro – per i suoi magneti, farebbe parte di un’unità da 1MW a quattro moduli che si prevede possa essere scalabile fino a una potenza di circa il doppio di quella dei più grandi PMG attualmente in servizio.

“Era nostra intenzione, fin dall’inizio, progettare un generatore che potesse essere scalato per la prossima generazione di turbine eoliche offshore”, ha dichiarato Hugh-Peter Kelly, responsabile della tecnologia GreenSpur e inventore del progetto. “Il feedback che abbiamo ricevuto è che i progetti attuali hanno note limitazioni e nuovi approcci saranno necessari per la prossima generazione di turbine eoliche offshore da 20 MW”.

Tony Quinn, direttore dei test e della validazione di ORE Catapult, ha aggiunto: “Le nostre strutture a Blyth, nel nord dell’Inghilterra, hanno fornito a GreenSpur il banco di prova perfetto per sviluppare ulteriormente la loro innovativa tecnologia di generazione.

“Si tratta di un grande esempio di come stiamo supportando le PMI del Regno Unito [piccole e medie imprese] nello sviluppo di tecnologie che hanno il potenziale per essere parte integrante della prossima generazione di parchi eolici offshore”.

GreenSpur sta ora procedendo con la modellizzazione di “generatori multi-megawatt significativamente più grandi”, con l’obiettivo di progettare un modello da 12MW-plus per le turbine offshore create “accatastando” tre unità da 4MW in parallelo.

Sostituire materiali di terre rare ad alto prezzo con ferriti – un materiale di scarto prodotto nella produzione dell’acciaio – ridurrebbe il costo dei magneti PMG da £40/kg ($50/kg) a circa £1/kg, secondo i calcoli di GreenSpur, il che significa che il progetto potrebbe tagliare circa il 33% del costo capitale del generatore ad azionamento diretto, e quindi quasi il 5% del prezzo di una turbina.

Andrew Hine, direttore commerciale di GreenSpur, ha osservato: “Abbiamo dimostrato la nostra tecnologia su scala credibile e abbiamo sviluppato una rete di partner esperti. Il nostro piano è quello di lavorare con un partner di co-sviluppo con l’esperienza e la capacità di fornire una soluzione priva di terre rare al mercato globale delle turbine eoliche”.

©2020 Rete Asset by mr.dico

Privacy Preference Center

Impostazione Cookies

I cookie che sono necessari per far funzionare correttamente il sito.

gdpr[allowed_cookies], gdpr[consent_types], yit-popup-access-shebaby, yith_wsfl_savefor_list
msg_send
_ga, _gid

Prestazione

Questi sono usati per monitorare l'interazione degli utenti e rilevare potenziali problemi. Questi aiutano a migliorare i nostri servizi, fornendo dati analitici su come gli utenti utilizzano il sito.

_ga, _gid, _gat

Shop e pagamenti

Questi Cookies servono per il funzionamento dello shop e la raccolta dei dati per i pagamenti e le spedizioni.

woocommerce_cart_hash, woocommerce_items_in_cart, __stripe_mid, __stripe_sid,

Log in with your credentials

Forgot your details?