Cattura e stoccaggio della CO2 in grande scala nel prossimo futuro?

Carbon Capture and Storage

Nuove ricerche dimostrano che la cattura dell’anidride carbonica sotto il fondo degli oceani, potrebbe aiutare a raggiungere gli obiettivi di riduzione delle emissioni e combattere il cambiamento climatico. Lo studio – dell’Università del Texas di Austin, della Norwegian University of Science and Technology e dell’Equinor Research Centre – esamina la tecnologia di cattura e stoccaggio del carbonio (CCS), che è un metodo per catturare l’anidride carbonica da impianti industriali e centrali elettriche e stoccarla per più di un miglio sottoterra in piccoli spazi nella roccia.

L’Intergovernmental Panel on Climate Change (IPCC) delle Nazioni Unite ha dichiarato che la CCS deve raggiungere il 13% delle riduzioni delle emissioni mondiali necessarie entro il 2050. Alcuni responsabili politici, rappresentanti dell’industria e organizzazioni non governative dubitano che la CCS possa raggiungere la sua parte dell’obiettivo, ma il nuovo studio pubblicato nei rapporti scientifici dimostra che la CCS potrebbe raggiungere i suoi obiettivi.

“Con questo documento, forniamo un percorso attuabile e dettagliato per il CCS per raggiungere gli obiettivi”, ha detto il coautore Tip Meckel del Bureau of Economic Geology dell’UT. “Si tratta di un prodotto veramente importante che possiamo utilizzare in questo momento per incidere sul nostro profilo di emissioni”.

L’articolo esamina la quantità di spazio geologico disponibile in formazioni adatte a contenere le emissioni di gas serra, trattenute dall’atmosfera. Calcola anche il numero di pozzi necessari in tutto il mondo per raggiungere l’obiettivo 2050 dell’IPCC.

Si conclude che c’è facilmente spazio sufficiente nei margini continentali vicini alla costa del mondo per raggiungere l’obiettivo dell’IPCC di immagazzinare da 6 a 7 gigatons di anidride carbonica all’anno entro il 2050, e che l’obiettivo potrebbe essere raggiunto installando da 10.000 a 14.000 pozzi di iniezione in tutto il mondo nei prossimi 30 anni.

Può sembrare un numero elevato di pozzi, ma i ricercatori sottolineano che l’industria petrolifera e del gas ha già dimostrato che è possibile costruire rapidamente le infrastrutture. Essi indicano che la diffusione mondiale della CCS richiesta nei prossimi tre decenni è all’incirca equivalente allo sviluppo delle infrastrutture per il petrolio e il gas nel Golfo del Messico negli ultimi 70 anni, o cinque volte lo sviluppo delle infrastrutture norvegesi per il petrolio e il gas nel Mare del Nord.

“Il bello di questo studio è che abbiamo invertito la sfida della decarbonizzazione calcolando quanti pozzi sono necessari per ridurre le emissioni nello scenario dei 2 gradi (Celsius)”, ha detto l’autore principale Philip Ringrose, professore aggiunto presso la Norwegian University of Science and Technology. “Si rivela essere solo una frazione della storica industria petrolifera, o circa 12.000 pozzi a livello globale. Suddivisi tra 5-7 hub CCS continentali, cioè solo circa 2.000 pozzi per regione. Decisamente fattibile! Ma abbiamo bisogno di iniziare il prima possibile”.

Meckel sottolinea inoltre che negli Stati Uniti ci sono crediti d’imposta significativi per contribuire a rendere possibili progetti di cattura del carbonio e ha detto che questo potrebbe fungere da modello per altri paesi, in particolare quelli con industrie vicino alla costa, dove la CO2 potrebbe essere trasportata più facilmente da condutture nelle formazioni geologiche sotterranee al largo della costa.

©2020 Rete Asset by mr.dico

Log in with your credentials

Forgot your details?