I problemi che l’economia circolare dovrà affrontare

ICESP Economia circolare

L’economia circolare non è una bacchetta magica per l’occupazione, la sostenibilità e la prosperità. Le aziende e i governi devono misurare attentamente l’impatto previsto ed effettivo di queste azioni e garantire che ci portino nella giusta direzione, non in un futuro circolare ma ancor meno sostenibile. Prima di realizzare un’economia circolare, dobbiamo pensare alla possibilità di conseguenze indesiderate. I posti di lavoro generati dalle innovazioni circolari saranno migliori? Chi li otterrà? La circolarità potrebbe ridurre l’estrazione di materiale e gli sprechi attraverso il riutilizzo, ma a costo di quali altre risorse? La circolarità ridurrà il consumo, o semplicemente massimizzerà l’uso dei prodotti esistenti? Un articolo di Kevin Moss indica tre possibili problemi:

Impatto sull’occupazione

La circolarità potrebbe cambiare radicalmente il panorama occupazionale. Le ricerche indicano che l’economia circolare creerà nuovi posti di lavoro, con la sola industria del riciclaggio che già da sola dà lavoro a più di 1,5 milioni di persone in tutto il mondo. Uno studio di Cambridge Econometrics, Trinomics e ICF ha concluso che il passaggio dall’estrazione vergine alla riparazione nell’Unione europea aggiungerebbe 700.000 posti di lavoro, soprattutto nell’Europa centrale e orientale. Tuttavia, questi cambiamenti occupazionali hanno un costo. Ad esempio, in un mondo che dipende meno dall’estrazione di materiale vergine, ci saranno meno posti di lavoro nell’industria mineraria. La misurazione dell’impatto è un primo passo per affrontare le potenziali ripercussioni per coloro che perdono a causa della transizione. Ma per quanto la quantificazione sia una sfida in campo ambientale, in campo sociale è ancora più complessa e spesso soggettiva. Ad esempio, i posti di lavoro creati dall’economia circolare possono essere diversi da quelli esistenti per portata e ubicazione.

Zero rifiuti

Zero rifiuti e circolarità al 100% sono diventati obiettivi popolari, ma il loro raggiungimento può essere sorprendentemente dispendioso in termini di risorse e potrebbe portare ad azioni che compromettono la sostenibilità complessiva.

Ad esempio, l’acquisto di una lattina di plastica o acciaio di chicchi di caffè può sembrare una scelta ambientale migliore rispetto al sacchetto di caffè in materiale composito, perché le lattine, a differenza dei sacchi, possono essere riciclate. Ma, a parità di volume prodotto, le lattine di plastica richiedono più di 5 megajoule di energia l’acciaio, più di 4; ma il sacchetto, poco più di 1. In realtà, l’acquisto di prodotti basati solo su ciò che è riciclabile è un modo sbagliato per prendere decisioni di acquisto. Il riciclo stesso richiede risorse: la carta deve essere ridotta in polpa e riformulata con acqua, prodotti chimici ed energia. I metalli vengono frantumati o fusi,  operazioni che richiedono energia, prima di essere ricostituiti.

Riduzione dei consumi di prodotti nuovi

Uno dei vantaggi della circolarità è che dovrebbe ridurre il consumo di prodotti nuovi di zecca. La riduzione dei consumi si realizzerà solo se diamo valore alla longevità e al riutilizzo rispetto all’acquisto di prodotti a base di materiali vergini. Questo messaggio non è stato ancora pienamente adottato dalle imprese, anche da quelle che stanno iniziando a comprendere il fascino dell’economia circolare. Un’importante azienda di abbigliamento fast fashion porta in molti dei suoi negozi statunitensi due messaggi di spicco, spesso su tabelloni adiacenti. Uno ci ricorda di “riusare, riutilizzare e riciclare”, ma proprio accanto c’è un cartello altrettanto importante che recita: “Abbiamo cose nuove in arrivo ogni giorno, quindi perché non lo fai tu?

I consumatori amano ancora comprare vestiti nuovi. In tutto il mondo, il mercato dell’abbigliamento e delle calzature dovrebbe crescere di circa il 5% all’anno fino al 2030, con una produzione di oltre 100 milioni di tonnellate.

La circolarità può essere un modo efficace per realizzare la trasformazione di cui abbiamo bisogno per fare un uso sostenibile delle risorse del pianeta. Ma perseguire la circolarità come fine a se stessa ci dà un falso senso di sicurezza e potrebbe anche portare a risultati peggiori. Per evitare questo, abbiamo bisogno di metriche che ci mantengano concentrati sugli impatti che cerchiamo, insieme a obiettivi che ci assicurino di rimanere all’interno dello spazio operativo sicuro e non avventurarci oltre la capacità del pianeta di sostenere la società. Le imprese e i governi devono implementare la circolarità con deliberazione e cautela per ottimizzare il suo impatto e aiutare la società a raccoglierne i benefici.

 

©2019 Rete Asset by mr.dico

Log in with your credentials

Forgot your details?