In risalita le emissioni globali di CO2, secondo il WRI Climate Watch

Emissioni co2 in crescita

Secondo un nuovo rapporto del Global Carbon Project, le emissioni globali di anidride carbonica da combustibili fossili stanno per risalire ad un livello record nel 2019. Questa è un’ulteriore prova del fatto che la situazione di stabilità delle emissioni tra il 2014 e il 2016 è stata di breve durata: le emissioni da combustibili fossili sono cresciute dell’1,5% nel 2017, del 2,1% nel 2018 e si prevede che cresceranno di un altro 0,6% nel 2019. Questa crescita è in contrasto con i tagli profondi e urgenti per rispondere all’emergenza climatica.

L’allarmante notizia è stata diffusa mentre quasi 200 nazioni si sono riunite a Madrid, in Spagna, per finalizzare le regole dell’accordo di Parigi sui cambiamenti climatici e prepararsi a rafforzare i loro impegni nazionali sul clima nel 2020.

I dati possono essere approfonditi anche sulla piattaforma dati del WRI Climate Watch.

Un altro anno di emissioni in crescita

Per la prima volta, le emissioni di carbonio dei combustibili fossili hanno raggiunto i 10 gigatonnellate all’anno nel 2018 (o, poco meno di 37 gigatonnellate di anidride carbonica), più del doppio rispetto agli anni ’70.
Nei paesi sviluppati, dove le emissioni hanno già raggiunto il picco massimo, le emissioni di anidride carbonica non diminuiscono abbastanza rapidamente per compensare l’aumento delle emissioni in altri paesi. Le emissioni nel 2019 dovrebbero diminuire sia nell’Unione Europea che negli Stati Uniti dell’1,7%, dato che le emissioni dell’India dovrebbero aumentare dell’1,8% (notevolmente inferiore al tasso di crescita degli ultimi cinque anni del 5,1%), quelle della Cina del 2,6% e quelle del resto del mondo dello 0,5%.

Le emissioni medie pro capite sono state pari a 4,8 tonnellate di anidride carbonica da combustibili fossili per persona lo scorso anno. Questo numero è stato notevolmente superiore in Australia (16,9 tonnellate pro capite), Cina (7,0 tonnellate pro capite), UE (6,7) e Stati Uniti (16,6). In particolare, le emissioni pro capite di anidride carbonica della Cina sono ora più elevate di quelle dell’UE (anche se storicamente non lo erano), mentre le emissioni pro capite dell’India (2,0 tonnellate pro capite) sono circa un ottavo di quelle degli Stati Uniti.

Gli oceani e la terra stanno assorbendo più biossido di carbonio

La terra e gli oceani – i nostri pozzi di assorbimento del carbonio – continuano a assorbire l’anidride carbonica a un ritmo che segue l’aumento della concentrazione di anidride carbonica nell’atmosfera, compensando in parte l’aumento delle emissioni. L’oceano ha assorbito 2,5 gigatonnellate all’anno nell’ultimo decennio, più del doppio di quanto fatto negli anni ’60. Le terre hanno assorbito 3,2 gigatonnellate all’anno nell’ultimo decennio, più di 1,5 volte il tasso degli anni Settanta.
Ma i nostri oceani e terreni potrebbero essere compromessi dal riscaldamento futuro, che potrebbe limitare la quantità di anidride carbonica che assorbono, facendo aumentare le temperature globali ancora più velocemente di quanto non lo siano oggi.

Il carbone è in netto declino, ma domina ancora le emissioni

Il carbone è la maggiore fonte di emissioni di anidride carbonica da combustibili fossili, rappresentando il 42% del totale globale. Tuttavia, poiché le fonti energetiche rinnovabili o a basse emissioni diventano economicamente più competitive e sempre più paesi si allontanano dal carbone a causa del suo impatto sul clima e sulla salute, vi sono segni che il carbone è chiaramente in declino. Si prevede che la produzione statunitense di carbone diminuirà dell’11% dal 2018 al 2019 a un livello che non si vede da più di 50 anni, circa la metà di quello che era il suo picco nel 2005. In Europa, le emissioni a base di carbone sono diminuite del 10% nel 2019. E nel Regno Unito, il carbone è sceso dal 42% nel 2012 a solo il 5% della produzione di elettricità nel 2018.

Allo stesso tempo, il consumo di carbone sta aumentando altrove per soddisfare la domanda di energia, anche se più lentamente che in passato. In Cina, il consumo di carbone dovrebbe aumentare dello 0,8% quest’anno, con un calo del consumo di carbone nel settore energetico e una minore crescita della produzione industriale. In India, le emissioni di anidride carbonica dal carbone dovrebbero crescere quest’anno dell’1,8%, meno della metà del tasso di crescita medio degli ultimi cinque anni.

Il gas naturale, il combustibile fossile a più rapida crescita, non sostituisce sempre il carbone

A livello globale, l’uso del gas naturale è aumentato in media del 2,6% all’anno negli ultimi cinque anni e le sue emissioni dovrebbero aumentare del 2,5% nel 2019. Anche con questa rapida crescita, contribuisce a circa la metà delle emissioni di carbone.

In precedenza dipendenti dai gasdotti per il trasporto, i mercati del gas naturale stanno diventando sempre più globali con la crescita dei mercati del gas naturale liquefatto (GNL) – il commercio di GNL è aumentato del 10% nel solo 2018. Ciò sta riducendo le differenze di prezzo a livello regionale e stimolando la domanda laddove i prezzi sono in calo, soprattutto in Asia.

Il petrolio è in aumento, spinto dalla crescente domanda di trasporti

Come per il gas naturale, anche il consumo di petrolio continua ad aumentare a livello globale, con una media dell’1,9% all’anno nell’ultimo decennio e rappresentando poco più di un terzo delle emissioni globali di combustibili fossili. Circa la metà del petrolio è utilizzata per il trasporto terrestre, con un aumento della domanda nei paesi in via di sviluppo e in molti paesi sviluppati. Negli Stati Uniti c’è già quasi un veicolo a persona, mentre in molti mercati in via di sviluppo questo rapporto è molto più basso, con un veicolo ogni sei persone in Cina e uno ogni 40 persone in India. Le proiezioni di aumento della proprietà di veicoli privati in Cina, India e in altri mercati in via di sviluppo suggeriscono che la domanda di petrolio continuerà a crescere negli anni a venire.

Anche i viaggi aerei, che rappresentano solo l’8% delle emissioni derivanti dall’uso globale del petrolio, sono in crescita. Il numero di viaggi di passeggeri è aumentato in media del 7% all’anno dal 2013 al 2018 e mostra un potenziale per continuare, soprattutto nei paesi in via di sviluppo, dove l’uso pro capite del trasporto aereo rimane relativamente basso.

Le soluzioni esistono

Per decarbonizzare le economie possono essere utilizzati diversi approcci, tra cui la sostituzione dei combustibili fossili con energie rinnovabili e la definizione di standard di efficienza energetica. Come hanno dimostrato almeno 18 paesi, i livelli nazionali di emissioni possono diminuire man mano che le economie crescono. Ciò di cui c’è bisogno è l’impegno da parte di più paesi a farlo e a trasformare le loro economie per una rapida decarbonizzazione.

Mentre il rapporto di quest’anno indica un tasso di crescita inferiore a quello degli ultimi anni, anche una crescita zero delle emissioni non è sufficiente. Inoltre, oltre all’aumento delle emissioni degli ultimi anni, le stime preliminari per il 2020 suggeriscono che le emissioni continueranno ad aumentare anche l’anno prossimo. Dobbiamo piegare attivamente la curva delle emissioni verso il basso per avere la speranza di essere sulla buona strada per un mondo che è ben al di sotto dei 2 gradi C (3,6 gradi F) e idealmente meno di 1,5 gradi C (2,7 gradi F) più caldo di prima della rivoluzione industriale. Solo portando la crescita delle emissioni al di sotto dello zero possiamo realisticamente aspettarci di evitare gli impatti più gravi dei cambiamenti climatici.

©2020 Rete Asset by mr.dico

Log in with your credentials

Forgot your details?