Stati generali della green economy: Rimini, 7 e 8 novembre 2017

Gli Stati Generali della Green Economy, promossi dal Consiglio Nazionale della Green Economy, formato da 66 organizzazioni di imprese, in collaborazione con il Ministero dell’Ambiente e il Ministero dello Sviluppo economico, ospitati ogni anno da Ecomondo, giungono quest’anno alla loro sesta edizione: a Rimini il 7 e 8 novembre 2017.

L’ obiettivo dell’iniziativa è quello di implementare una piattaforma per lo sviluppo di una green economy in Italia attraverso l’analisi dei potenziali positivi, degli ostacoli, nonché delle politiche e delle misure necessarie per migliorare la qualità ecologica dei settori strategici.
I focus al centro del dibattito per il 2017 sono:

  • La relazione sullo stato della green economy 2017 e le Proposte della green economy per la nuova legislatura
  • Un confronto internazionale tra Europa, Cina e USA dedicato all’approfondimento dei nuovi equilibri mondiali, politici ed economici e dei loro possibili effetti sulla green economy

PROGRAMMA: 7 e 8 novembre 2017 – ECOMONDO

SESSIONE PLENARIA DI APERTURA – 7 novembre 2017 – 0re 10.30 – Sala Neri – Hall Sud

Presentazione della terza Relazione sullo stato della Green Economy 2017 e del documento delle Policy Recommendation elaborato dai Coordinatori dei Gruppi di lavoro e approvato dal Consiglio Nazionale della green economy. Seguono gli interventi dei relatori invitati e le conclusioni del Ministro dell’Ambiente, Gian Luca Galletti.

5 SESSIONI PARALLELE DI APPROFONDIMENTO – 7 novembre 2017 – 0re 15.00

  • Dal Manifesto Città Futura alla rete delle Green Cities in Italia
  • Il futuro dell’Accordo di Parigi e le politiche energetiche e climatiche in Italia
  • Attuazione del Pacchetto Direttive europee su rifiuti e circular economy
  • La mobilità futura: less, electric, green and shared
  • Green economy e le politiche industriali in Italia

 SESSIONE PLENARIA CONCLUSIVA – 8 novembre 2017 – 0re 09.30 – Hall Sud

“Il futuro della green economy: un confronto fra le politiche di Europa, Cina e USA”
Alla sessione verranno invitati ad intervenire rappresentanti di alto livello americani, cinesi, dell’Unione Europea e rappresentanti di importanti imprese nazionali e multinazionali
 
Gli Stati Generali della Green Economy sono un processo di elaborazione strategica, aperta e partecipata che vede il coinvolgimento dei principali stakeholder della green economy italiana.
Sono promossi dal Consiglio nazionale della green economy, formato da 66 organizzazioni di imprese, in collaborazione con il Ministero dell’Ambiente e il Ministero dello Sviluppo Economico e vedono quest’anno la loro VI edizione. Essi hanno l’ambizione di promuovere un nuovo orientamento dell’economia italiana verso una green economy per aprire nuove opportunità di sviluppo durevole e sostenibile ed indicare la via d’uscita dalla crisi economica e climatica.
L’iniziativa, nata nel 2012, è diventata ormai un punto di riferimento per migliaia di imprese e ha coinvolto tra il 2012 e il 2016 più di 7500 stakeholder.
Gli Stati Generali sono un’iniziativa inserita nel processo che l’Unione europea ha avviato per dare attuazione agli impegni presi nella Conferenza di Rio +20.
L’obiettivo degli Stati Generali è sviluppare, attraverso l’innovativo metodo dell’elaborazione partecipata, una piattaforma programmatica per lo sviluppo di una green economy in Italia attraverso l’analisi dei potenziali positivi, degli ostacoli, nonché delle politiche e delle misure necessarie per migliorare la qualità ecologica dei settori strategici.
Il processo di elaborazione partecipata quest’anno si svolge nel corso dell’intero anno attraverso l’attività di 9 Gruppi di lavoro su 9 settori strategici per una green economy – che coinvolgono ormai quasi 400 esperti in tutta Italia – iniziative pubbliche di consultazione e l’attività di interlocuzione istituzionale portata avanti dal Consiglio Nazionale della Green Economy.
L’intero processo vede la sua conclusione, ogni anno, in un grande evento pubblico della durata di due giorni – che ha visto per la quinta edizione più di 2800 iscritti – a Rimini in occasione della manifestazione Ecomondo.

©2022 Rete Asset

Log in with your credentials

Forgot your details?