NEO 2019

Bloomberg NEF ha appena pubblicato il rapporto NEO 2019 (New Energy Outlook 2019), secondo il quale le energie rinnovabili a basso costo e le batterie rimodellano radicalmente il sistema elettrico.

Siamo passati da due terzi di combustibili fossili nel 2018 a due terzi di energia a zero emissioni di carbonio entro il 2050. L’energia eolica e solare forniscono quasi il 50% dell’elettricità mondiale entro il 2050, ponendo fine all’era del predominio dei combustibili fossili nel settore energetico.

Il solare vede la crescita maggiore, passando dal 2% dell’attuale produzione mondiale di elettricità, al 22% nel 2050. Nel 2050, l’energia eolica genera il 26% dell’elettricità mondiale, rispetto all’attuale 5%. L’idroelettrico vede una crescita molto modesta e il nucleare rimane praticamente piatto. Batterie, peakers e domanda dinamica aiutano l’energia eolica e solare a raggiungere una penetrazione superiore all’80% in alcuni mercati.

Circa 359 GW di batterie vengono aggiunte al sistema energetico per aiutare a riallocare la generazione in eccesso nei periodi in cui il vento non soffia e il sole non splende. La flessibilità dal lato della domanda contribuisce inoltre a una migliore integrazione delle energie rinnovabili variabili. Ciò include la ricarica dinamica dei veicoli elettrici, in cui i veicoli sono collegati quando sono inattivi, con la carica determinata dalle tariffe in funzione del tempo di utilizzo e dalla curva di domanda.

Nei 32 anni da oggi al 2050 vedremo 13,3 trilioni di dollari investiti in nuovi impianti di produzione di energia elettrica. Di questi, il 77% è destinato alle energie rinnovabili. Il settore eolico attira 5,3 trilioni di dollari, quello solare 4,2 trilioni di dollari, e altri 843 miliardi di dollari vanno alle batterie. Gli investimenti in nuovi impianti a combustibili fossili non superano i 2 trilioni di dollari.

Con l’aumento della domanda, cresce anche la rete, con un’espansione della distribuzione e della trasmissione che richiede, secondo le stime, 11,4 trilioni di dollari fino al 2050.

Gli investimenti finanziano 15.145 GW di nuove centrali tra il 2019 e il 2050, di cui l’80% a zero emissioni di carbonio. Il fotovoltaico vede un aumento di quattordici volte e l’eolico un aumento di sei volte.

Il carbone crolla ovunque nel mondo, tranne che in Asia, e raggiunge il suo apice nel 2026. La crescita in Cina, India e Sud-est asiatico non riesce a compensare il rapido declino in Europa e negli Stati Uniti. Il prezzo del carbonio, l’obbligo di piani di eliminazione graduale in Europa e il gas naturale a basso costo negli Stati Uniti costringono il carbone ad uscire dal mix. Entro il 2032, ci sarà più energia eolica e solare nel mondo rispetto all’elettricità a base di carbone.

L’energia elettrica alimentata a gas cresce solo dello 0,6% all’anno fino al 2050, fornendo flessibilità e supporto al sistema, piuttosto che elettricità di massa, nella maggior parte dei mercati. La capacità di generazione di gas raddoppia entro il 2050. E’ previsto un aumento del 37% nelle turbine a gas a ciclo combinato, con l’aggiunta di 506 GW, e un aumento del 350% nelle centrali a gas di picco, che rappresentano oltre 1TW di capacità entro il 2050.

La domanda globale di energia elettrica cresce del 62% entro il 2050, ovvero dell’1,5% all’anno. La crescita della domanda di energia elettrica, tuttavia, si disaccoppia sempre più dal PIL – ci aspettiamo che l’intensità del consumo di elettricità per unità di PIL diminuisca del 41% nel periodo 2018-50. Il fabbisogno di energia elettrica nei paesi non OCSE raddoppierà entro il 2050 a fronte di una forte crescita dei consumi e di un aumento dell’elettrificazione.

I veicoli elettrici aggiungono circa 3.950 TWh di nuova domanda di elettricità a livello globale entro il 2050, pari al 9% del fabbisogno mondiale di elettricità.

Il fotovoltaico diventa incredibilmente economico, ovunque. Il costo normalizzato di un impianto fotovoltaico medio scende del 63% entro il 2050, a circa 25 $/MWh. Alla base di tutto ciò ci sono i cali dei costi della tecnologia solare. I costi dei moduli sono diminuiti dell’89% dal 2010 e ci aspettiamo un ulteriore calo del 34% da oggi al 2030, quando i produttori troveranno ulteriori efficienze in tutta la catena di produzione.

Anche l’energia eolica sta diventando sempre più economica e veloce. I costi delle turbine sono diminuiti del 40% dal 2010, mentre l’efficienza delle macchine è aumentata, e l’uso di sensori e dati intelligenti aiuta ad ottimizzare l’efficienza operativa e a ridurre i costi. Nuovi modelli di turbine stanno inoltre entrando sul mercato, aprendo l’accesso a siti che gli sviluppatori hanno considerato antieconomici non molto tempo fa. Prevediamo che il costo dell’energia eolica scenderà di un altro 36% entro il 2030, e del 48% entro il 2050, a circa 30 $/MWh.

Le batterie completano il triumvirato di nuove tecnologie che trasformeranno il settore elettrico nei prossimi 32 anni. I prezzi delle batterie sono già scesi dell’84% dal 2010. Ci aspettiamo che la costruzione di batterie per veicoli elettrici continuerà a far scendere il prezzo delle batterie per applicazioni stazionarie. Queste scenderanno a 62 $/kWh entro il 2030, con un calo di circa il 64% rispetto a oggi.

Il fotovoltaico di consumo rappresenta l’11% della capacità produttiva totale installata nel 2050.
La maggior parte di questo è situata in grandi strutture commerciali con ampio spazio sul tetto che adottano questa alternativa economica alle tariffe di rete. Le imprese e le famiglie investono 1,9 trilioni di dollari in fotovoltaico e batterie behind-the-meter nei prossimi 32 anni, di cui 50 miliardi di dollari all’anno per impianti fotovoltaici su piccola scala.
Entro il 2050, il 40% di tutta la dislocazione delle batterie sarà behind-the-meter.
Dal 2025, iniziamo a vedere sempre più consumatori che aggiungono sistemi a batteria a quelli solari, poiché il valore derivante da un maggiore utilizzo del sistema mette in ombra il costo iniziale aggiuntivo.

Le emissioni globali del settore dell’energia sono sulla buona strada per un obiettivo di 2 gradi fino al 2030. Le tecnologie a zero emissioni di carbonio forniscono oltre la metà del fabbisogno mondiale di produzione entro il 2030, superando per la prima volta i combustibili fossili. Una decarbonizzazione aggressiva – e veloce – sarà necessaria oltre il 2030 soprattutto per mantenere gli aumenti di temperatura al di sotto di 1,5°C.

Le emissioni delle centrali elettriche alimentate a carbone, gas e petrolio potrebbero aver raggiunto un picco nel 2018 a 13.666 Mt. Ci aspettiamo che la curva di avanzamento rimanga relativamente piatta nei prossimi otto anni. Dal 2026 in poi, le emissioni diminuiscono di circa il 2% all’anno, fino a 8.724 Mt nel 2050 – circa il 36% in meno rispetto ad oggi. In Europa, il declino del carbone e l’elevata penetrazione delle energie rinnovabili riducono rapidamente le emissioni, riducendole del 95% rispetto ai livelli attuali, entro il 2050. Gli Stati Uniti vedono un calo del 54% delle emissioni del settore energetico entro il 2050. Le emissioni raggiungono il picco in Cina nel 2027 e in India nel 2038.

 

 

CONTATTACI

Vuoi sapere di più su Asset? Hai una domanda da farci? Una curiosità da soddisfare? Scrivici! Saremo lieti di risponderti.

Sending

©2019 Rete Asset by mr.dico | Made and hosting with ❤️ by World Wide Management

Log in with your credentials

or    

Forgot your details?

Create Account