Quanto è stato fatto e quanto c’è da fare per la transizione alle rinnovabili

Percentuale di elettricià prodotta da fonti rinnovabili e non

Un articolo di recente pubblicazione sulla Technology Review del MIT fa il punto su quanto è stato fatto, e su quanto rimane da fare per la transizione alle energie rinnovabili. Eccone una sintesi.

Per la maggior parte delle misure che contano, l’energia pulita ha avuto un decennio stellare. Il costo dei grandi parchi eolici e solari è sceso rispettivamente del 70% e quasi del 90%. Nel frattempo, le centrali a energia rinnovabile in tutto il mondo producono quattro volte più elettricità di quanto non facessero 10 anni fa.

Allo stesso modo, i veicoli elettrici erano a malapena una briciolo pochi anni fa. Ma le case automobilistiche sono sulla buona strada per vendere 1,8 milioni di veicoli elettrici quest’anno; con l’aumento della gamma, i prezzi sono scesi e le aziende hanno introdotto una varietà di modelli.

Ma la rapida crescita in questi piccoli settori non ha ancora portato a grandi cambiamenti nel massiccio sistema energetico globale o alla riduzione delle emissioni di gas serra. Finora, le tecnologie più pulite hanno per lo più soddisfatto la crescente domanda di energia, non hanno inciso profondamente sulle infrastrutture esistenti per i combustibili fossili.

Questo è un problema. La riduzione delle emissioni abbastanza rapida da combattere le crescenti minacce del cambiamento climatico richiederà una revisione completa delle nostre centrali elettriche, fabbriche e flotte di veicoli, il tutto nel giro di pochi decenni.

Rinnovabili

La produzione globale di energia elettrica da fonti rinnovabili, principalmente eolica e solare, è aumentata da circa 550 terawattora nel 2008 a quasi 2.500 nel 2018, secondo la BP Statistical Review of World Energy 2019. Ma le rinnovabili – pur in crescita – sono solo una piccola percentuale nel contesto del settore energetico totale.  Un problema è che la produzione totale di energia elettrica sta aumentando con la crescita della popolazione, l’espansione delle economie e l’aumento della domanda di energia. Il mondo sta costruendo molti parchi solari ed eolici per soddisfare queste esigenze. Ma le nazioni continuano a costruire anche impianti a carbone e a gas naturale.

C’è anche un altro problema. Con l’espansione del sistema elettrico, la quota di altre fonti prive di carbonio è relativamente piatta (nel caso dell’idroelettrico) o in declino (nel caso del nucleare). Ciò significa che il contributo totale delle fonti prive di carbonio è aumentato solo di poco nell’ultimo decennio, passando dal 32% a poco più del 35%.

Veicoli elettrici

Le stesse tendenze generali valgono per i veicoli elettrici, tranne che per il fatto che rappresentano un sottoinsieme ancora più piccolo del mercato globale. Le vendite sono in pieno boom nei principali mercati di tutto il mondo, almeno rispetto al basso punto di partenza all’inizio del decennio. Ma hanno a malapena intaccato il totale delle vendite mondiali di auto, che l’anno scorso hanno superato gli 80 milioni, come dimostrano i dati di BloombergNEF. La maggior parte degli osservatori dell’industria automobilistica ritiene che i veicoli elettrici decolleranno davvero una volta che le auto a batteria e i camion diventeranno economici come quelli a motore termico. Ma c’è un ampio disaccordo su quando le batterie, che rappresentano circa un terzo del costo di tali veicoli, saranno abbastanza economiche perché ciò accada. Anche allora, potrebbero facilmente volerci un altro paio di decenni per cambiare tutti i veicoli in circolazione e, naturalmente, le auto e i camion rappresentano solo un pezzo del sistema di trasporto che deve essere aggiornato.

Crescita futura

Entro la fine del secolo, il sistema elettrico globale potrebbe dover essere cinque volte più grande per soddisfare la crescita demografica prevista, l’aumento del tenore di vita e l'”elettrificazione” di parti più ampie dell’economia. Questo include l’uso crescente di elettricità per alimentare le automobili, far funzionare le stufe e riscaldare gli edifici. E, naturalmente, tutto ciò dovrà essere privo di carbonio.

Costruire un sistema di questo tipo abbastanza velocemente da limitare il riscaldamento globale a 2 ˚C richiederebbe di quintuplicare entro il 2040, secondo una recente analisi del Breakthrough Institute, la quota di nuova energia pulita Se ci attenessimo al tasso medio di incremento di energia pulita degli ultimi cinque anni, ci vorrebbero circa 360 anni per costruire un sistema di queste dimensioni, ha calcolato Seaver Wang di Breakthrough. Se lo facessimo al ritmo più veloce degli ultimi cinque anni, ci vorrebbero ancora circa 260 anni.

©2020 Rete Asset by mr.dico

Log in with your credentials

Forgot your details?