BP statistiche 2019

L’anno scorso ha visto livelli record di: emissioni di CO2; uso di gas e petrolio; installazione di energia rinnovabile. Secondo i nuovi dati globali del gigante petrolifero BP, che ha appena pubblicato Statistical Review of World Energy2019 | 68th edition

Il gas è stato il principale motore della crescita del consumo energetico nel 2018, responsabile di oltre il 40% dell’aumento. Questo, insieme all’aumento dell’uso di petrolio e carbone, ha portato ad un aumento del 2% delle emissioni globali di CO2 nel 2018, il più grande aumento su base annua in sette anni.

Le fonti di energia rinnovabile sono state per il terzo anno consecutivo la più grande fonte di nuova generazione di energia elettrica a livello mondiale, trainata principalmente dalla crescita della generazione eolica e solare. L’eolico e il solare sono cresciuti al secondo tasso più veloce mai registrato, trainato dalla crescita in Cina, anche se la crescita della generazione eolica e solare negli Stati Uniti, nell’UE e in India è stata più lenta nel 2018 che nel 2017.

Tuttavia, esiste un divario sempre maggiore tra il consumo energetico odierno e ciò che sarebbe necessario per raggiungere gli obiettivi dell’accordo di Parigi, dato che, secondo gli scienziati, le emissioni devono raggiungere lo zero netto entro la metà del secolo per evitare pericolosi livelli di riscaldamento globale.

Il gas porta ad un forte aumento del consumo energetico

Il consumo di energia è cresciuto nel 2018 ad un tasso del 2,9%, la maggiore crescita dal 2010. La Cina, gli Stati Uniti e l’India hanno rappresentato più di due terzi della crescita globale del consumo energetico, con il consumo energetico degli Stati Uniti in più rapida espansione da 30 anni.

Il consumo energetico è aumentato di 390 milioni di tonnellate equivalenti di petrolio (Mtep) nel 2018. I combustibili fossili sono stati responsabili del 71%, mentre le fonti energetiche a quasi zero emissioni di carbonio, tra cui solare, eolico, idroelettrico e nucleare, sono state responsabili del 29%.

Il gas naturale ha rappresentato il principale fattore di crescita del consumo energetico globale nel 2018, con un aumento del 5,3% rispetto al 2017. Da sola è stata responsabile del 40% dell’aumento del consumo totale di energia.

Le energie rinnovabili non idroelettriche sono cresciute del 14,5% nel 2018. Questa è stata la maggiore crescita relativa di qualsiasi fonte energetica, anche se ancora al di sotto della crescita record del 2017. Le energie rinnovabili non idroelettriche rappresentano oggi il 4% del consumo energetico globale, con tutte le fonti a zero emissioni di carbonio che rappresentano il 15% dell’energia globale.

Il consumo di petrolio è cresciuto dell’1,5% nel 2018, con la Cina e gli Stati Uniti che hanno contribuito per circa l’85% alla crescita del consumo di petrolio. Questa crescita si è concentrata principalmente nel settore dei trasporti, riflettendo l’aumento della proprietà dei veicoli e delle miglia percorse.

Il consumo di carbone è cresciuto dell’1,4% nel 2018, la crescita più rapida dal 2013. Ciò inverte un periodo di tre anni in cui il carbone è cresciuto molto poco o è addirittura diminuito, anche se il consumo globale di carbone rimane ancora al di sotto del picco del 2013 (vedi sotto per maggiori informazioni).

La produzione idroelettrica è cresciuta del 3% nel 2018, analogamente ai tassi di crescita registrati nell’ultimo decennio. Anche se di piccole dimensioni rispetto ad altre fonti di generazione, la produzione nucleare è aumentata del 2,4% nel 2018. La Cina è stata responsabile di circa il 75% della crescita globale della produzione nucleare.

La CO2 cresce al ritmo più veloce degli ultimi 7 anni

Il rapporto BP stima che le emissioni globali di CO2 sono cresciute del 2,0% nel 2018, la crescita più rapida degli ultimi sette anni. Questa cifra è identica all’ultima stima del Global Carbon Project (GCP), Ciò fa seguito ad un aumento dell’1,7% nel 2017, attenuando le speranze di un picco delle emissioni globali di CO2.

La Cina, l’India e gli Stati Uniti sono stati responsabili di circa il 69% dell’aumento globale di CO2, e la Cina è il principale contribuente. Le emissioni di CO2 cinesi sono cresciute del 2,2% nel 2018, le emissioni indiane del 7% e le emissioni statunitensi del 2,6%.

Gli Stati Uniti hanno invertito la tendenza triennale di riduzione delle emissioni di CO2, registrando il maggiore aumento delle emissioni dal 2013, anche se ci sono indicazioni che questo aumento potrebbe essere una sorta di anomalia.

Le emissioni dell’UE sono diminuite nel 2018, scendendo del 2% rispetto ai livelli del 2017, segnando la prima volta in tre anni che le emissioni dell’UE sono diminuite.
Diminuzione modesta della quota di combustibili fossili

Il calo dell’uso del carbone negli anni precedenti aveva contribuito a compensare le emissioni di CO2 derivanti dall’aumento dell’uso di gas e petrolio. Tuttavia, il consumo di carbone è aumentato negli ultimi anni, mentre il petrolio è cresciuto costantemente e il consumo di gas è aumentato.

Nell’ultimo decennio – dal 2009 – il consumo globale di carbone è aumentato del 10%, il consumo di petrolio è aumentato del 14% e il consumo di gas naturale è aumentato del 31%.

Le energie rinnovabili non idroelettriche sono la fonte di energia in più rapida crescita, con un aumento del 14,5% lo scorso anno e del 290% nell’ultimo decennio. Tuttavia, sono ancora una parte relativamente piccola del consumo totale di energia, che continua ad essere dominata dai combustibili fossili.

Nondimeno, la quota di energia proveniente dai combustibili fossili nel 2018 (85%) è la più bassa dall’inizio del set di dati BP nel 1965. Anche le energie rinnovabili non idroelettriche sono sulla buona strada per produrre più energia del nucleare nel 2019. Il consumo globale di carbone è aumentato dell’1,4% nel 2018, la sua crescita più rapida dal 2013. L’India è stata il principale motore della crescita del carbone, responsabile di circa il 45% dell’aumento globale. La Cina è stata un altro grande contribuente, con il 20%.

Il consumo di carbone è notevolmente diminuito sia nell’UE che negli Stati Uniti, anche se il calo è stato inferiore a quello di alcuni anni precedenti. Nel complesso, la domanda di carbone nei paesi OCSE è scesa al livello più basso dal 1975. La quota complessiva del carbone nell’energia primaria ha continuato a diminuire, scendendo al 27% grazie all’aumento della produzione di gas naturale e di energia rinnovabile.

Il carbone è stato il secondo maggiore responsabile dell’aumento della produzione di elettricità nel 2018, pari al 31% della crescita totale. Nonostante il consumo complessivo di carbone sia inferiore al picco del 2013, l’elettricità generata dal carbone ha stabilito un nuovo record nel 2018. Ciò riflette la maggiore efficienza di produzione delle nuove centrali a carbone costruite negli ultimi anni.

Il gas naturale è stato il terzo maggiore contributore, con il 25% della crescita. Il contributo molto maggiore del gas naturale alla crescita del consumo totale di energia riflette il fatto che gran parte del gas naturale è utilizzata per scopi non elettrici, come il riscaldamento degli ambienti o i processi industriali, mentre una sostanziale maggioranza del carbone è utilizzata per generare elettricità.

La quota delle fonti rinnovabili non idroelettriche utilizzate per la produzione di energia elettrica è passata dall’8,4% nel 2017 al 9,3% nel 2018. Le fonti a basse emissioni di carbonio – nucleari, idroelettriche e non idroelettriche – hanno contribuito collettivamente al 36% della produzione mondiale di elettricità, la più elevata dal 1990.

Il carbone rappresenta ancora la quota maggiore della produzione di energia elettrica (38%), mentre il gas naturale è il secondo in ordine di grandezza (23%).

L’energia eolica e solare sono cresciute collettivamente del 17% nel 2018, un po’ al di sotto del tasso di crescita del 23% nel 2017. La crescita totale della produzione di energia eolica e solare è stata di 62 Mtep nel 2018 rispetto ai 67 del 2017.

La generazione solare è cresciuta di 30 milioni di tep, mentre la produzione eolica è cresciuta di 32 milioni di tep. Il solare è diventato una parte sempre più ampia delle fonti rinnovabili non idroelettriche, fornendo oltre il 40% della crescita delle rinnovabili nel 2018.

 

CONTATTACI

Vuoi sapere di più su Asset? Hai una domanda da farci? Una curiosità da soddisfare? Scrivici! Saremo lieti di risponderti.

Sending

©2019 Rete Asset by mr.dico | Made and hosting with ❤️ by World Wide Management

Log in with your credentials

or    

Forgot your details?

Create Account